L'Europa cerca un modello standardizzato per l'informativa sui prodotti sostenibili


Si compie in questi giorni il quinto anniversario del lancio degli OSS (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile), che hanno dato un nuovo impulso agli investimenti responsabili. Ma questo aumento degli SRI ha portato con sé una maggiore difficoltà per gli investitori che vogliono distinguere tra un investimento responsabile che è semplicemente un prodotto di marketing, comunemente noto come greenwashing, e un vero SRI che cerca non solo un buon ritorno finanziario sull'investimento, ma anche di contribuire a una società più sostenibile.

Uno degli aspetti più basilari nel cercare di differenziare ciò che è SRI e ciò che è solamente ecologico è l'informazione che le società di investimento danno attraverso le loro brochure. Informazioni che, per il momento, sono ben lungi dall'includere criteri comparabili e omogenei. Per cercare di porre fine all'eccessiva differenziazione che può esistere tra un prospetto e l'altro, le autorità di vigilanza europee (ESA nella sua sigla inglese) hanno pubblicato un'indagine accessibile da qui, che sarà operativa fino al 16 ottobre 2020, per ottenere il parere dei soggetti interessati dalla regolamentazione informativa sull'uso di modelli standard per la presentazione di informazioni sui prodotti sostenibili. Tuttavia, come spiega FinReg360, "il contenuto finale dei modelli dipenderà dai risultati dei test da effettuare con i consumatori e dalla relazione finale delle ESA sui regolamenti di attuazione dei regolamenti di divulgazione".

La società di consulenza ha preparato un articolo che analizza le chiavi di questa consultazione, in cui sono specificati tre tipi di modelli: due per l'informazione precontrattuale e uno per l'informazione periodica.

Di seguito riportiamo parte dell'analisi di FinReg360.

1. Informazioni precontrattuali

Le informazioni precontrattuali sono presentate in due modi, con e senza icone.

In linea con la bozza di regolamento delegato che sviluppa le regole di divulgazione, il contenuto dei modelli è suddiviso in sei blocchi:

- Informazioni sulle caratteristiche ambientali o sociali promosse dal prodotto. 

- Informazioni relative alla strategia di investimento del prodotto e, in particolare: come promuove le caratteristiche ESG; gli elementi vincolanti che vengono presi in considerazione per la selezione dei titoli , ad esempio i rating minimi ESG; come la strategia viene attuata in modo permanente, ad esempio attraverso il monitoraggio continuo del rispetto delle caratteristiche ESG o dei rating minimi; se, a seguito del processo di selezione degli attivi, sono stati esclusi potenziali investimenti che non soddisfano i criteri ESG e come vengono valutate le pratiche di governance delle società in cui viene effettuato l'investimento. 

- L'asset allocation o la tipologia di attività che compongono il portafoglio prodotti, tra cui: un grafico che rappresenta la percentuale di investimenti sostenibili, di investimenti che contribuiscono alle caratteristiche e di altri investimenti non classificati come sostenibili; i settori economici in cui sono investiti; l'uso o il non uso di strumenti finanziari derivati; il modo in cui gli investimenti sostenibili rispettano il principio di non causare danni significativi (DNSH), attraverso la valutazione dei principali eventi avversi e il ricorso alle esclusioni.

- Indicatori di sostenibilità utilizzati per misurare le caratteristiche ESG del prodotto. 

- Una sezione con informazioni aggiuntive sul prodotto e link ad esso. 

- Informazioni sull'uso di un indice di riferimento. 

2.Informazioni periodiche

Questa sezione comprende anche sei blocchi da completare con gli investimenti effettuati nel periodo di riferimento:

- Informazioni sul grado di conformità alle caratteristiche del prodotto e sul suo comportamento in materia di sostenibilità.

- I 25 principali investimenti del prodotto finanziario, ordinati in base al loro peso nel portafoglio prodotti.

- Quale parte del portafoglio del prodotto è costituita da investimenti legati alla sostenibilità, compresi gli investimenti non classificati come sostenibili.

- In che modo gli investimenti hanno contribuito al raggiungimento di un obiettivo sostenibile e come viene soddisfatto il principio NHDR, compreso come sono stati presi in considerazione i principali impatti negativi e se sono state utilizzate le esclusioni?

- Prestazioni del prodotto rispetto al benchmark sostenibile.

- Informazioni su quali misure sono state adottate per promuovere le caratteristiche ESG durante il periodo di riferimento.

Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente