L’equilibrio tra l’alpha e il beta in un unico prodotto


Il KIS Italia è un comparto long/short equity concentrato sul mercato azionario italiano, principalmente sulle large e le mid cap.

 

Breve descrizione del comparto: KIS Italia è un comparto long/short equity concentrato sul mercato azionario italiano, principalmente sulle large e mid cap, con esposizione azionaria netta tra il 30% e il 70% a seconda del tipo di previsione a lungo termine del fund manager sul mercato azionario italiano ed esposizione lorda azionaria del 120%-200%, utilizzando leva e derivati sia ai fini di copertura sia per i posizionamenti tattici.

 

Le principali differenze con prodotti simili presenti sul mercato:

  • Equilibrio tra il processo di stock picking (alpha) e un'esposizione direzionale ai mercati contenuta (beta);
  • Nessun limite con l'indice FTSEMIB;
  • Strategia long/short con un mercato volatile.

 

Obiettivi di investimento (target return e target volatility se applicati): il prodotto mira a raggiungere i 2/3 dell’upside del FTSEMIB e un downside di 1/3 quando il FTSEMIB scende.

 

Universo di investimento: Focus sul mercato azionario italiano, large e mid cap.

 

Vincoli di investimento:

  • Geografici: mandato italiano.
     

Benchmark e tracking error (da prospetto e storico): Non ha un benchmark.

 

Numero di holdings e turnover: Un portafoglio di 40 posizioni core, basso turnover.

 

Risk policy: La struttura della gestione del rischio viene controllata su base giornaliera:

  • Limiti regolatori: UCITS, CSSF.

 

Liquidity policy: Liquidità giornaliera.

 

Hedging valutario (se applicabile): Di default copriamo il 100% del rischio valuta; tuttavia, abbiamo la possibilità di mantenere le posizioni aperte per specifici titoli azionari o valute.

 

Uso dei derivati (leverage massimo, da prospetto e storica): la leva massima imposta dalla normativa UCITS è del 100%, mentre storicamente (degli ultimi due anni) l’impiego è del 20%.

 

View di mercato nei prossimi sei mesi: L'instabilità politica continuerà ad influire sul Paese almeno fino all'autunno, quando il governo approverà il Decreto di Bilancio. Quindi rimaniamo cauti mantenendo nel range basso l’esposizione netta. Tuttavia, le recenti correzioni di mercato hanno creato delle opportunità interessanti che possono essere superate una volta che la situazione politica sarà definita.

Professionisti
Società