Joachim Fels (PIMCO): "I prossimi cinque anni saranno meno redditizi e più volatili per gli investitori"


La pandemia ha costretto il PIMCO a utilizzare il formato digitale per presentare la 35esima edizione del suo Secular Outlook, in cui si spiegano le prospettive che la casa di gestione adotta sia a medio che a lungo termine. La presentazione è stata affidata a Joachim Fels, il Global Economic Advisor della società, che ha iniziato spiegando le quattro principali tendenze che la pandemia di COVID-19 ha accelerato: l'ascesa della Cina, l'aumento del populismo, che continuerà a crescere con l'aumento delle disuguaglianze economiche, la tecnologia e il cambiamento climatico.

Queste quattro tendenze dirompenti segneranno, a suo avviso, non solo l'evoluzione dell'economia nei prossimi anni, ma anche l'evoluzione dei mercati. E avverte gli investitori: "I prossimi cinque anni saranno molto diversi per gli investitori rispetto agli ultimi cinque, poiché passeremo da rendimenti elevati con poca volatilità a rendimenti più bassi con più volatilità"

Una delle ragioni che sostiene per giustificare il fatto che i prossimi anni saranno complicati per gli investitori è dovuta alla stima economica che il manager ha per questo periodo. "Passeremo da una crescita bassa negli ultimi dieci anni a una crescita ancora più bassa nei prossimi cinque anni", afferma, aggiungendo che ritiene che l'incertezza aumenterà e che le aziende saranno più caute nell'investire.

Ed è fiducioso che le politiche monetarie rimarranno accomodanti sia nel breve che nel medio termine. Tanto che nella relazione pubblicata dalla società di gestione, fa notare che i tassi nella maggior parte delle economie sviluppate rimarranno ai livelli attuali o anche più bassi nei prossimi tre-cinque anni. Non è così chiaro se questo lassismo monetario raggiungerà comunque quello che è quasi sempre il suo primo obiettivo: aumentare l'inflazione, cosa che secondo Fels sembra essere più nelle mani dei Governi che delle Banche centrali. "Friedman si sbagliava quando diceva che l'inflazione era un fenomeno monetario, ora è un fenomeno fiscale", dice.

Con questa prospettiva economica incerta, la domanda sorge spontanea: cosa può fare un investitore per massimizzare il rendimento del suo portafoglio? In questo caso, le principali scommesse di PIMCO sono di combinare il credito con gli investimenti nei mercati emergenti, tra cui la Cina, anche se sottolinea l'importanza di essere selettivi sia nella scelta delle aziende che nelle emissioni.

Dopo tutto, egli argomenta che tutti i cambiamenti dirompenti che il coronavirus ha accelerato lasceranno una "lunga lista di aziende perdenti e una lista molto breve di aziende vincitrici", che è anche conosciuto come il fenomeno del vincitore prende tutto. Avverte inoltre che nel caso dei titoli a reddito fisso stiamo assistendo ad un "intensificarsi della zombificazione" a seguito della risposta delle autorità monetarie, che non hanno discriminato tra imprese solvibili e non solvibili quando si tratta di istituire il loro aiuto, portando, osserva, "molte imprese improduttive a sopravvivere quando non avrebbero dovuto".

Professionisti
Società

Notizie correlate

Cambiamenti sempre più dirompenti

Lo shock del Covid-19 ha potenziato tendenze di cambiamento dirompente preesistenti, ma non mancheranno le opportunità d’investimento. Contributo a cura di Dan Ivascyn, Group Chief Investment Officer, Joachim Fels, managing director e global economic advisor e Andrew Balls, Chief Investment Officer per Global Fixed Income di PIMCO. Contenuto sponsorizzato.

Anterior 1 2 Siguiente