Investimenti sostenibili: le sfide future


La crescita degli investimenti è un passo positivo, ma senza trasparenza e un quadro normativo comune può avere conseguenze indesiderate per l'investitore. Negli ultimi cinque anni è emersa un'ampia gamma di soluzioni sotto forma di fondi focalizzati sugli OSS (gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite che la scorsa settimana hanno compiuto cinque anni) di strumenti di misurazione e di reporting. Ma un'offerta ampia non è necessariamente il modo giusto di procedere. "Con pochissima regolamentazione e trasparenza, può essere difficile scegliere quali soluzioni offrono nuovi modi di pensare con risultati significativi, rispetto a prodotti e strumenti che sono stati semplicemente oggetto di rebranding senza grandi cambiamenti fondamentali", spiega Andy Howard, responsabile globale degli investimenti sostenibili presso Schroders.

È un problema che molte case di gestione di fondi incontrano, anche durante il processo di investimento. "La grande massa di aziende da analizzare porta a un processo di quasi compilazione di modelli di criteri ESG per lo più poco chiari, che nella nostra esperienza spesso non rendono giustizia alle singole aziende", dice Bert Flossbach, co-fondatore di Flossbach von Storch. Questo è un ostacolo citato anche da Laura Natumi McTavish, analista di DNB Asset Management. Ad esempio, il tentativo di valutare il livello di emissioni e la potenziale esposizione agli OSS ha reso difficile la raccolta dei dati, in quanto le aziende spesso non riportano i dati pubblicamente con la granularità richiesta. "I dipartimenti di marketing di molte case finanziarie sono molto più avanti degli analisti, il che ha conseguenze spiacevoli per gli investitori che prendono sul serio la questione. Corrono il rischio di acquisire investimenti che possono avere un timbro ESG, ma a ben guardare non lo meritano", aggiunge Flossbach. Infatti, i gestori di fondi possono citare esempi concreti di pratiche preoccupanti. Vishal Hindocha, direttore delle soluzioni di investimento di MFS Investment Management, condivide i seguenti dati: 284 aziende dell'indice mondiale MSCI hanno una dichiarazione pubblica a sostegno dell'obiettivo 'Good health and well being'. Tuttavia, il 43,3% di queste società ha subito una recente controversia in diretta violazione di questo obiettivo. "Il lavoro di grattare sotto la superficie di queste affermazioni è solo all'inizio", riconosce.

Sfide rimanenti

Si sente la necessità da parte di più voci dell'industria di una maggiore quantità di dati affidabili e confrontabili,  affinché gli investitori possano valutare le prestazioni relative alla sostenibilità o anche l'impatto dei loro investimenti. Questo è un appello lanciato anche da BNP Paribas AM: "Abbiamo bisogno di dati, cifre sull'impatto, report, per valutare per ogni Euro investito quale sia l'impatto che si sta producendo; e anche di spiegarlo chiaramente".

Una preoccupazione diffusa è che la mancanza di standard universali lasci la porta aperta al greenwashing nelle aziende e nei gestori di investimenti. Ad esempio, gli investitori in obbligazioni verdi corrono il rischio di confondere il desiderio genuino di un'azienda di promuovere un'agenda verde con emissioni per altri scopi, come il rifinanziamento del debito esistente. Ed è talvolta conveniente guardare oltre l'etichetta verde per capire se un'azienda è rispettosa dell'ambiente, anche se emette solo debiti convenzionali. "C'è il pericolo che questi dati vengano utilizzati in modo improprio e questa è l'altra faccia della medaglia dell'accessibilità", avverte Victoria Leggett, responsabile degli investimenti ad impatto presso UBP. "In alcuni casi, le aziende sostengono di contribuire ad alcuni OSS, ma non vi è alcuna prova o obbligo di revisione in merito a tali affermazioni".

Il green o rainbow washing è la principale preoccupazione delle case di gestione internazionali. E questo è legato all'assenza di un quadro normativo formale. "Senza un accordo su ciò che costituisce un impatto sociale o ambientale positivo e senza una standardizzazione nella quantificazione, i clienti possono avere difficoltà a confrontare i quadri e le valutazioni d'impatto e i rapporti", afferma Sarah Norris, direttore degli investimenti di Aberdeen Standard Investments. "Questo rende molto difficile incorporare l'impatto nelle strategie multimanager e raggiungere l'obiettivo di fornire informazioni non finanziarie ai clienti. Inoltre, le aziende stanno ora adottando gli OSS nel loro reporting e divulgando l'allineamento dei report, ma spesso non rivelano i rischi associati a tali obiettivi".

"Non c'è tempo per l'autocompiacimento e il greenwashing. Dobbiamo migliorare gli strumenti di valutazione dei progressi delle aziende", insiste Jean-Philippe Desmartin, responsabile del team di investimento responsabile di Edmond de Rothschild Asset Management. Il problema è che la complessità della regolamentazione può anche creare impatti negativi indesiderati. "La direzione intrapresa dagli ESG tende a favorire i grandi asset manager, cioè le aziende che hanno le risorse e le infrastrutture per conformarsi al crescente numero di report e, inoltre, per avere un impatto effettivo sulle priorità delle aziende all'interno dell'agenda della sostenibilità", sostiene Christophe Jaubert, investment manager di Mediolanum IF.

Detto questo, la posizione delle case di gestione è ottimistica. "Gli azionisti stanno riuscendo a spingere per una maggiore trasparenza e a cambiare il panorama di quelli che sono considerati gli standard del settore", osserva Mary Jane McQuillen, head of ESG di ClearBridge Investments. "Mentre il voto per delega continua a concentrarsi su questioni come il clima o il genere, un altro tema caldo recente è la divulgazione dei contributi politici. Questo è notevole; il pendolo sta oscillando verso la valorizzazione delle pratiche commerciali leali e della trasparenza". 

Non perdersi nelle piccole battaglie

Tuttavia, mentre la tassonomia e le etichette consentono l'armonizzazione e offrono agli investitori una griglia di lettura, per Hamid Amoura, head of Responsible Investment di Mirabaud Asset Management, esse dovrebbero essere viste come un primo passo e non come un obiettivo in sé. Ben Constable-Maxwell, responsabile degli investimenti sostenibili e d'impatto di M&G Investments, lo riassume molto bene in una frase: Non si può contare tutto ciò che merita di essere contato. "Potremmo non essere in grado di misurare tutto con precisione, ma questo non dovrebbe fermare il progresso. Noi investitori sappiamo cosa dobbiamo fare per raggiungere una maggiore sostenibilità, in modo da poter iniziare. Gli strumenti migliori arriveranno più tardi", afferma. 

"Non abbiamo tempo di discutere i dettagli più sottili", insiste anche Archie Beeching, direttore degli investimenti responsabili, Muzinich & Co. "Dobbiamo garantire che il capitale finanzi la transizione verso un'economia più sostenibile e questo richiede una regolamentazione, incentivi per il buon funzionamento dei mercati del carbone su larga scala e idee più audaci e di più ampia portata da parte dei governi".

Professionisti
Società