In aumento le emissioni di social e green bond per mitigare l’impatto sociale e ambientale della crisi


La crisi del Covid-19 ha innescato un riequilibrio in termini ESG nell’area del reddito fisso sostenibile. Mentre in passato dominavano i green bond, negli ultimi due mesi l'attenzione si è spostata dalla E alla S, con una maggiore attenzione alle implicazioni sociali ad ampio raggio della pandemia. Questo cambiamento si riflette nell'aumento delle emissioni di social bond: obbligazioni che raccolgono fondi per progetti sociali. Nel lungo termine, tuttavia, le obbligazioni verdi continueranno a guidare la costruzione di una ripresa economica sostenibile e a sostenere la transizione verso un mondo a emissioni zero e resistente ai cambiamenti climatici. Nel frattempo, il mercato delle obbligazioni verdi sovrane continua a crescere, con diverse operazioni previste per la seconda metà del 2020 - alcune con nuove strutture innovative.

In passato, i ricavi dei social bond venivano utilizzati soprattutto per progetti di social housing e per la creazione di posti di lavoro. Tuttavia, recentemente, agenzie e organizzazioni sovranazionali li hanno utilizzati per contribuire a mitigare il grave impatto sociale ed economico diretto e indiretto di Covid-19. I profitti della maggior parte dei cosiddetti Covid-19 bond finanziano progetti sociali legati alla sanità e al mantenimento dell'occupazione. Da inizio aprile sono stati raccolti circa 20 miliardi di euro, soprattutto in Francia, Spagna, Italia, Paesi Bassi, Giappone e Africa. In meno di tre mesi, il mercato dei social bond è cresciuto del 43%, raggiungendo i 66 miliardi di euro.

La maggior parte del ricavato è stato utilizzato per sostenere le micro, piccole e medie imprese (PMI), con particolare attenzione al mantenimento dei posti di lavoro. Per contrastare le fluttuazioni del mercato del lavoro francese legate a COVID-19, l'Unédic, l'ente francese che gestisce i contributi sociali contro la disoccupazione, ha lanciato il 15 maggio 2020 il più grande social bond emesso fino ad oggi, per un valore di 4 miliardi di euro. In risposta alle sfide del settore sanitario, altri proventi di altri social bond lanciati di recente hanno riguardato forniture e attrezzature mediche, riabilitazione, infrastrutture mediche e R&S per medicinali e vaccini. Queste obbligazioni contribuiscono anche a fornire sostegno finanziario alle imprese in modo che possano mantenere il personale e mantenere i livelli di occupazione, e a finanziare la riconversione delle fabbriche per la produzione di attrezzature essenziali.

È probabile che i principali emittenti continuino ad essere agenzie, organizzazioni sovranazionali e istituzioni finanziarie. Attualmente infatti, rappresentano rispettivamente il 51%, il 16% e il 13% del mercato. La maggior parte dei social bond sono denominati in euro, con alcune emissioni in dollari USA e yen giapponesi.

Emittenti sovrani pronti a sfruttare il mercato dei green bond nella seconda metà del 2020

NN IP ritiene che nel lungo periodo, i green bond continueranno a guidare la costruzione di una ripresa economica sostenibile e a sostenere la transizione verso un mondo a emissioni zero e resistente ai cambiamenti climatici. Il mercato delle obbligazioni verdi governative continua a crescere, con diversi potenziali candidati sovrani europei, tra cui Germania, Italia, Spagna, Svezia e Danimarca, che prevedono l'emissione dei primi green bond nel 2020. In passato gli emittenti hanno sfruttato il mercato con emissioni puntuali (Francia, Belgio) o hanno scelto di costruire una curva dei rendimenti emettendo obbligazioni verdi con scadenze e cedole diverse (Polonia, Cile). La Germania e la Danimarca stanno ora cercando nuove formule innovative.

La Germania è sulla buona strada per emettere il suo primo green bond (probabilmente di 10 miliardi di euro) tra agosto o settembre di quest'anno. Dopo aver preso in considerazione altre opzioni, il governo tedesco ha annunciato che sta pianificando di attingere al mercato con una nuova struttura di twin green bond, ossia l’obbligazione verde sarà emessa in concomitanza con un’obbligazione convenzionale con la stessa cedola e scadenza. Ciò consentirebbe una diversificazione naturale tra investitori convenzionali e investitori in green bond. Il piano definitivo è quello di costruire una curva governativa tedesca verde completa.

Un'altra potenziale nuova struttura di obbligazioni sovrane green è stata proposta dalla Danimarca. Nel concetto danese, le obbligazioni sono emesse con etichette trasferibili chiamate “add-on” o certificati verdi. Ciò significa che un'emissione ha due componenti concepite come titoli separati, ciascuno con il proprio ISIN. Una è un'obbligazione convenzionale e l'altra è un certificato verde. Quest’ultimo è la parte che contiene la prova che il denaro venga utilizzato per spese e/o progetti verdi. La logica alla base di questa proposta è la piccola dimensione del mercato delle obbligazioni sovrane danesi e il timore che avere due tipi di obbligazioni sovrane possa creare implicazioni per la liquidità del mercato nel suo complesso.

"È incoraggiante vedere la continua crescita delle obbligazioni verdi sovrane, sia in termini di volumi che di numero di nuovi emittenti che intendono sfruttare questo mercato. Come in tutti i settori del mercato della finanza sostenibile, siamo diffidenti nei confronti di emissioni che offrono meno trasparenza in termini di utilizzo dei proventi, o le cui strutture possono sollevare dubbi. L'esempio danese è un caso esemplare, e abbiamo forti riserve su questo concetto. Sosteniamo le strutture in cui i Paesi creano una curva dei rendimenti verde (Germania) o utilizzano una struttura bullet (Francia). La costruzione di una curva dei rendimenti verde offre opzioni obbligazionarie in una gamma di scadenze e indica il solido impegno di un paese verso un mercato obbligazionario verde a pieno titolo. L'utilizzo regolare di un'unica emissione obbligazionaria verde esistente migliora la liquidità del mercato dei green bond, in rapida espansione", commenta Bram Bos, lead portfolio manager Green Bonds di NN Investment Partners.

Jovita Razauskaite, Portfolio Manager Green Bond, NN Investment Partners aggiunge: "La pandemia di Covid-19 ha chiaramente ampliato il mercato dei social bond, che adesso si trova in una fase molto simile a quella del mercato delle obbligazioni verdi nel 2013 e nel 2014. Tuttavia, nonostante la recente accelerazione della crescita, questo segmento è ancora relativamente piccolo e dominato da pochi partecipanti. Per crescere ulteriormente e diversificarsi il mercato delle obbligazioni sociali dovrà quindi attrarre una gamma più ampia di partecipanti e tipi di emittenti. Poiché le nostre strategie di obbligazioni verdi gestiscono portafogli puramente verdi, non deteniamo obbligazioni sociali. Una volta che la pandemia sarà passata, questo mercato potrebbe continuare a crescere. Gli emittenti societari che desiderano affrontare questioni sociali fondamentali in tutte le loro attività e catene di fornitura potrebbero cercare sempre più finanziamenti attraverso i social bond. Con l'aumento della liquidità, i social bond saranno una valida opzione per gli investitori che desiderano avere un impatto sociale positivo e mirato. La sfida più grande per il mercato dei social bond sarà la creazione di un formato di rendicontazione dell'impatto più standardizzato, che migliorerà la trasparenza e accrescerà la sua credibilità e il suo potenziale di crescita.”

Professionisti
Società

Notizie correlate

Green bond: attivi è meglio

Un approccio attivo all’investimento in green bond consente a un gestore di esercitare la sua discrezionalità pur continuando a investire in obbligazioni che offrono vantaggi per l’ambiente. Contributo a cura di Demis Todeschini, ETF sales specialist di Franklin Templeton. Contenuto sponsorizzato.

Anterior 1 2 Siguiente