Il settore dell’healthcare resiste al Covid-19 e guarda oltre


Contributo a cura di Alex Gold, gestore del FF Global Health Care Fund, Fidelity International. Contenuto sponsorizzato.

Attualmente, gli investitori devono confrontarsi con due fattori significativi di incertezza: l'entità e la durata della pandemia di Covid-19 e la profondità della conseguente recessione economica provocata dalle misure intraprese per contenere il contagio. Nell'intento di contrastare questi rischi eccezionali, i Governi e le Banche centrali di tutto il mondo, in particolare la Federal Reserve negli Stati Uniti, hanno messo in campo manovre fiscali e monetarie imponenti. Noi non pretendiamo di sapere quale forza si dimostrerà vincente nei prossimi anni, tuttavia riteniamo che ai livelli attuali sussista un rischio di ribasso per i mercati.

In questo contesto incerto, il settore sanitario si contraddistingue, a nostro avviso, per la sua capacità di tenuta e le prospettive di crescita. Le aziende che ne fanno parte non sono soltanto in prima linea nel fornire cure ai pazienti, ma sono altresì impegnate nel rendere disponibili strumenti diagnostici, trattamenti, attrezzature medicali e, possibilmente, un vaccino per combattere il virus. La solidità dei fondamentali su cui il settore sanitario può contare è particolarmente evidente in questo momento storico senza precedenti.

La priorità per il FF Global Health Care Fund resta quella di investire in imprese di qualità elevata nel settore sanitario. Tuttavia, dato che la congiuntura attuale ha subito un rapido cambiamento, nel corso dell'ultimo trimestre abbiamo ribilanciato il portafoglio prediligendo aziende ancora più difensive e resilienti nel segmento farmaceutico e in quello delle biotecnologie.

Prospettive top-down/macroeconomiche

Dal punto di vista top-down, ci muoviamo con prudenza. Siamo di fronte a un evento senza precedenti che sta generando un impatto eccezionale sull'economia mondiale. Il team di Fidelity addetto all'analisi macroeconomica ipotizza che, a livello globale, il PIL perderà l'1,7% nel 2020, mentre negli Stati Uniti il calo sarà del 5,9% e nell'Eurozona del 7,9%. A nostro avviso, non è probabile che un vaccino sia disponibile prima di 12-18 mesi e l'immunità di gregge è ben lungi dall'essere conseguita, pertanto riteniamo che la ripresa dallo shock economico sarà graduale. Inoltre, a nostro parere, un rimbalzo a V è uno scenario che pecca di eccessiva fiducia e che, ipotizzando un ritorno delle economie alla normalità nel terzo trimestre, non tiene conto dei rischi di una seconda ondata di contagio in autunno. Il fattore chiave che potrebbe smorzare la nostra visione prudente è rappresentato dall'azione della Federal Reserve statunitense, intervenuta con decisione sul fronte della politica monetaria tornando a potenziare fortemente il quantitative easing e ampliando il suo bilancio di ben 2.000 miliardi di dollari in sole due settimane.

Healthcare e trend di lungo periodo

Le prospettive di lungo termine per il settore sanitario sono molto interessanti. Il principale fattore trainante è rappresentato dall'invecchiamento della popolazione, che comporta un aumento dei bisogni sanitari. Ad esempio, entro il 2050, la percentuale della popolazione globale sopra i 65 anni di età passerà dall'attuale 8% circa al 16% del dato mondiale. Di conseguenza, la domanda e la spesa sanitaria non potranno fare altro che crescere in futuro, sostenute da questo megatrend. Il Covid-19, a sua volta, metterà ulteriormente l'accento sull'importanza di avere a disposizione un sistema sanitario sostenibile capace di far fronte alla crescita della domanda. Anche l'innovazione in campo sanitario diventerà sempre più importante, poiché contribuisce non soltanto a migliorare gli esiti per i pazienti ma anche a ridurre i costi del sistema sanitario.

Analisi bottom-up e dei sotto-settori

In un'ottica bottom-up, abbiamo avuto contatti telefonici con molte aziende presenti in portafoglio con l'obiettivo di quantificare l'impatto del coronavirus e delle misure di contenimento sulle imprese nelle quali abbiamo investito. Ove necessario, una parte importante di questa analisi ha riguardato la liquidità e la solidità finanziaria delle aziende in portafoglio.

Guardiamo con attenzione alle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, mentre rimaniamo più cauti sulle tecnologie medicali (medtech). La nostra filosofia d'investimento si basa sulla costruzione di un portafoglio composto da imprese di buona qualità. Considerando le significative incertezze legate al Covid-19 nonché all'entità e alla durata della recessione, riteniamo che le case farmaceutiche attualmente presentino un profilo di rischio/rendimento più interessante rispetto a gran parte degli altri segmenti nel settore così come del mercato nel suo complesso.

In generale, sono due le aree principali che hanno tratto e possono trarre vantaggio da un aumento della domanda causa pandemia: prodotti farmaceutici / biotecnologie e diagnostica. Le società farmaceutiche e quelle biotecnologiche beneficiano di utili molto resilienti nonostante il rallentamento economico, poiché i pazienti affetti da patologie hanno comunque bisogno dei loro medicinali. Inoltre, queste società sono impegnate in prima linea nella ricerca di trattamenti specifici per curare il Covid-19 e, possibilmente, trovare un vaccino.

Informazioni importanti: Le performance passate non sono indicative dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito derivante possono diminuire o aumentare e un investitore/il cliente può anche non riottenere la somma investita. I riferimenti a titoli specifici non devono essere considerati raccomandazioni all’acquisto o alla vendita di tali titoli, e vengono riportati esclusivamente a scopo illustrativo. Dato che il fondo investe nei mercati esteri, il valore degli investimenti può risentire delle oscillazioni dei tassi di cambio. Gli investitori devono tenere conto del fatto che le opinioni qui riportate potrebbero non essere più attuali e che potrebbero anche essere già state modificate.

AVVERTENZA: prima dell’adesione leggere attentamente il prospetto e il documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (“KIID”), i quali sono stati debitamente pubblicati, in lingua italiana, presso la Consob e sono disponibili presso i soggetti collocatori, nonché sul sito www.fidelity-italia.it. Se non altrimenti specificato, i commenti sono quelli di Fidelity. 

Queste informazioni non devono essere riprodotte o circolarizzate senza autorizzazione preventiva.

Fidelity fornisce esclusivamente informazioni sui suoi prodotti e non offre consulenza sugli investimenti basata su circostanze individuali, salvi i casi in cui ciò stato specificamente concordato da una società autorizzata in una comunicazione formale con il cliente.

Fidelity International si riferisce al gruppo di società che compone l'organizzazione globale di gestione di investimenti che fornisce informazioni su prodotti e servizi in determinate giurisdizioni, ad eccezione dell'America settentrionale.  Questa comunicazione non è diretta e non deve essere diretta a persone residenti negli Stati Uniti o ad altri soggetti residenti in paesi dove i fondi non sono autorizzati alla distribuzione o dove non è richiesta alcuna autorizzazione.

Salva espressa indicazione in senso contrario, tutti i prodotti sono forniti da Fidelity International e tutte le opinioni espresse sono di Fidelity International. Fidelity, Fidelity International, il logo di Fidelity International e il simbolo ""F"" sono marchi registrati da FIL Limited. Per professionisti della ricerca si intendono associati e analisti.

Vi invitiamo ad ottenere informazioni dettagliate prima di prendere decisioni di investimento. Tali decisioni devono basarsi sul Prospetto in vigore e sul documento contenente informazioni chiave per gli investitori (KIID), disponibilie assieme alla relazione annuale e semestrale senza costi presso i nostri distributori, presso il nostro Centro Europeo di Servizi in Lussemburgo , FIL (Luxembourg) S.A. 2a, rue Albert Borschette BP 2174 L-1021 Lussemburgo. Fidelity Funds ""FF"" è una società di investimento a capitale variabile (OICVM) di diritto Lussemburghese multicomparto e con più classi di azioni. Le partecipazioni del fondo possono variare rispetto a quelle dell'indice citato. Per questo motivo l'indice di riferimento viene utilizzato solo come confronto.

Il presente materiale è pubblicato da FIL Luxembourg) S.A., autorizzata e regolamentata dalla CSSF (Commission de Surveillance du Secteur Financier).

GLEMUS3223-0620 SSO20IT0507

Professionisti
Società

Notizie correlate