I due grafici che tutti i private banker dovrebbero mostrare ai propri clienti


A volte un'immagine vale più di mille parole. Da molti anni, i private banker svolgono un ruolo fondamentale per diffondere la cultura finanziaria. Non è un compito facile, a cui bisogna dedicare tempo e fatica. L'ultimo trimestre del 2018 è stato un vero incubo per molti private banker e molti clienti hanno cominciato a preoccuparsi degli effetti della guerra commerciale, della Brexit e del ciclo economico. Nemmeno il mercato governativo presentava una soluzione al problema. Tutto era in rosso.

Oggi però l’economia non è ancora entrata in recessione, il Regno Unito non è uscito dall’Europa e sebbene le tensioni tra USA-Cina ci siano ancora, non ci troviamo di fronte a una guerra commerciale con effetti catastrofici. Inoltre tutti quelli che hanno venduto 12 mesi fa, hanno perso il rimbalzo dei mercati nel corso del 2019, che sta per volgere al termine con tutte le asset class in verde.

La grafico di Nadège Dufossé, responsabile dell'Asset Allocation di Candriam, è molto esemplificativo. Raccoglie perfettamente ciò che il 2019 ha significato per tutti coloro che hanno deciso di abbandonare i mercati e anche per coloro che sono stati in grado di tollerare la volatilità e sono rimasti investiti. I primi hanno chiaramente perso il costo opportunità. I secondi hanno recuperato le perdite del 2018.

Captura_de_pantalla_2019-12-10_a_las_15

Nel secondo grafico, un po’ più tecnico, è quello presentato da Charles Prideaux, responsabile globale degli investimenti di Schroders, alla conferenza annuale con i giornalisti tenuti dall'entità a Londra. Negli ultimi 12 mesi (da settembre 2018 a settembre 2019) i profitti aziendali sono rimasti stabili, mentre il mercato borsistico e i P/E hanno avuto un andamento altalenante fino a fine anno in cui si sono riavvicinati. Se c'è qualcosa che ha storicamente influenzato i mercati sono stati i profitti aziendali.

Captura_de_pantalla_2019-12-10_a_las_15

“La redditività di un portafoglio è determinata da quattro componenti: asset allocation, orientamento ai fattori strategici, selezione titoli e market timing. Gli studi hanno dimostrato che i primi due determinano oltre il 90% della redditività a lungo termine ", ricorda BlackRock. In altre parole: meglio concentrarsi sulla definizione dell'obiettivo di investimento, sull'allocazione strategica e sulla scelta dei prodotti giusti per implementarlo per raggiungere tale obiettivo, invece di entrare e abbandonare gli investimenti a metà.

Come ricorda Massimo Greco, responsabile di J.P. Morgan AM per l'Europa, la migliore strategia per investire nei mercati passa attraverso due semplici cose che gli investitori non sempre rispettano: rimanere investiti e diversificare il capitale. “Nessuno sa quando ci sarà una correzione di mercato. Siamo preoccupati di una crisi economica da quattro anni ... ma nulla di tutto ciò è ancora successo. Non si possono scandire i tempi al mercato. La chiave è rimanere investiti con un orizzonte a lungo termine ", sottolinea. "Quello che è successo quest'anno ci insegna a seguire questo prezioso consiglio".

Professionisti
Società

Notizie correlate