Il consulente finanziario digitale


Un libro che riflette sul domani e ha l’ambizione di indicare la strada futura del consulente finanziario, contestualizzando l’argomento che ha cambiato e sta modificando redditi, risparmi, bisogni e comportamenti dei clienti, in altre parole l'intera economia.

Scritto da Maurizio Primanni, CEO di Excellence, società italiana di consulenza strategica, e da Ernesto Vergani, giornalista, "Il consulente finanziario digitale - Come ottenere benefici economici e operativi dagli strumenti digitali", dal 9 luglio in libreria e su tutti gli store online, prende per mano il lettore e lo conduce nei diversi scenari dell’universo dell’advisory, con una tesi ben specifica: la stella polare della consulenza finanziaria, non solo nel post-pandemia, sarà l’opzione digitale

La prefazione è a cura di Gian Maria Mossa, amministratore delegato e direttore generale di Banca Generali. Nel primo capitolo gli autori utilizzano il benchmark della Cina (uscita prima dall’emergenza sanitaria e che quindi ne ha già sperimentato gli effetti economici) per anticipare ciò che verosimilmente accadrà anche in Europa. In Oriente le nuove tecnologie digitali applicate al caring del cliente e alla consulenza sono state il volano della tenuta del comparto bancario gettando le basi per una sua pronta ripartenza.

Nel testo le tecnologie sono analizzate nei dettagli: da quelle già frequentate (wealth management platform, web collaboration e firma digitale) fino a quelle prossime (digital advice, gamification e machine learning).

La tecnologia fine a se stessa però non basta. Il libro si sofferma molto anche sulla relazione tra consulente e cliente, sviscerando più prospettive: dai reciproci vantaggi della consulenza digitale (dalla salute finanziaria del cliente alla gestione del tempo del professionista), alle sue potenzialità (il lavoro in team e la comunicazione, per esempio), fino agli impatti positivi sull’efficienza e sulla produttività del consulente e infine sulla possibilità di offrire una più ampia varietà di servizi accessori (dalla consulenza immobiliare a quella per l’impresa). 

Un testo destinato oltre che al mondo finanziario, consulenti finanziari, private banker e manager delle banche, a tutti i professionisti che si occupano in senso lato di finanza, ma anche a tutti quegli d’investitori fai da te, l’uomo comune, chi lavora in qualsiasi altro settore, o anche lo studente, che vogliono fare un passo in avanti nelle loro competenze e nella comprensione del modello di business del consulente finanziario digitale.

"Credo fermamente nel futuro dei consulenti finanziari come figure fondamentali per accompagnare le famiglie nelle sfide della crescita e della protezione dei patrimoni, soprattutto nei contesti di mercato più complicati. Proprio nei momenti di maggiore complessità infatti il cliente apprezza il fatto di avere al proprio fianco un professionista preparato e dotato di tutti i migliori supporti tecnologici. Ben vengano quindi tutti quegli strumenti che aiutano a far comprendere il valore della diversificazione e che in generale consentono al consulente di svolgere con ancora maggiore efficacia la propria attività di salvaguardia dei patrimoni dei clienti", scrive nella prefazione Gian Maria Mossa.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente