Iccrea sta per arrivare in porto


Anche la Banca di Credito Cooperativo di Milano aderisce al Gruppo bancario Cooperativo Iccrea. A poco meno di tre anni dall’emanazione della legge che ne dettava le linee guida, la riforma del credito cooperativo sta per arrivare in porto. Nell’arco del mese di gennaio Iccrea dovrebbero infatti ottenere il via libera di Banca d’Italia all’iscrizione all’albo dei gruppi bancari, ultimo tassello di un tour de force che ha interessato centinaia di istituti sul territorio. Nel caso del Gruppo Iccrea l’arrivo di Bcc di Milano rappresenta un’altra tappa fondamentale. Il Gruppo nasce con l’obiettivo di di rafforzare la stabilità delle Bcc e permettere loro di raggiungere livelli di efficienza adeguati alle esigenze dell’attuale situazione di mercato. L’adesione al Gruppo consentirà a Bcc Milano di continuare a operare favorendo lo sviluppo dei soci e delle comunità locali, la cooperazione, la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio in cui è insediata.

“Siamo molto soddisfatti per il traguardo raggiunto. I nostri soci hanno compreso il valore di questa scelta che consente a Bcc Milano di  contribuire alla nascita del più grande Gruppo bancario Cooperativo in Italia rivalutando la storia, la natura e la vocazione mutualistica e sociale delle Bcc – ha dichiarato il presidente Giuseppe Maino – D’ora in poi potremo contare sulla forza di un solido sistema che ci permetterà di effettuare investimenti e ottenere importanti sinergie. Crediamo fortemente nel nuovo corso del Credito Cooperativo perché ci consentirà di fare ancor meglio quello che abbiamo sempre fatto: sostenere attivamente lo sviluppo del nostro territorio. Siamo alla vigilia di un anno decisivo per le Bcc, ma grazie alla scelta dei nostri soci ci avviciniamo al 2019 con la consapevolezza che saremo protagonisti del nostro futuro”.

Il nuovo Gruppo bancario, strutturato sulla base di quanto stabilito dalla Legge 49/2016 di riforma del Credito Cooperativo e dalle sue successive modifiche, si costituirà all’inizio del 2019 e potrà contare sull’adesione di 142 BCC, che opereranno con una rete di 2.647 filiali in 1.738 comuni italiani. Il Gruppo sarà fondato su una solida base composta da 750 mila soci e più di 4 milioni di clienti, un patrimonio netto di 11,5 miliardi di euro, un attivo di 148 miliardi, impieghi lordi per 93,3 miliardi e una raccolta diretta pari a 102,4 miliardi. Con questi numeri il Gruppo bancario Cooperativo Iccrea si attesta come la prima banca locale del Paese. Ultimo atto sarà l’assemblea di Bcc Roma, prevista per metà gennaio, per l’adesione definitiva al gruppo. Con quest’ultima assemblea dovrebbe chiudersi il cerchio e partire l’iter per cui Iccrea dovrebbe ottenere luce verde da Bankitalia alla fine di gennaio.

Società

Notizie correlate