I risparmi fermi nei depositi sono la zavorra della crescita in Europa?


Al culmine della ripresa del mercato dalla crisi del 2008, i singoli investitori hanno continuato a proteggere il loro denaro nei depositi bancari. Niente fondi comuni d'investimento, niente azioni, niente piani pensionistici, niente assicurazioni. Nell'ultimo decennio i risparmi delle famiglie europee sono cresciuti soprattutto nei conti correnti. E il costo opportunità è significativo. Secondo le stime dell'European Fund and Asset Manager Association (EFAMA), la ricchezza delle famiglie europee potrebbe essere oggi superiore di 1.200 miliardi di Euro se solo avessero ridotto la loro quota di depositi dal 41% al 30% e investito di più in fondi azionari e obbligazioni nel 2018-2019.

fe51a083d7d35b17

È altrettanto vero che dal 2008 al 2015 il peso dei depositi in percentuale della ricchezza delle famiglie è diminuito. E sono arrivati a rappresentare meno del 20%. Ma negli ultimi cinque anni è cresciuto di nuovo fino a quasi il 40% della loro ricchezza lo scorso anno. "Le statistiche sulla composizione media dei risparmi delle famiglie in Europa sovrastimano la quantità di persone che investono in strumenti del mercato dei capitali. La realtà è che mentre alcune famiglie investono somme considerevoli, la stragrande maggioranza delle famiglie europee non risparmia affatto attraverso strumenti di partecipazione diretta ai mercati", spiegano da EFAMA.

f0b6e794df0219ee__1_

E le conseguenze del fatto che il deposito sia lo strumento di investimento per eccellenza non sono solo legate al costo opportunità in termini di perdita di redditività per il cittadino diretto. Secondo l'associazione, è anche un freno alla crescita dell'Europa. "C'è una correlazione negativa generale tra il livello di sviluppo economico di un Paese e la quota di ricchezza finanziaria nei depositi bancari", dicono nel recente rapporto di Household Participation in Capital Markets.

Si stima che quasi 1,6 trilioni di Euro potrebbero essere messi a disposizione per finanziare l'economia europea e la crescita sostenibile se le famiglie europee riducessero di 5 punti percentuali la loro quota di ricchezza finanziaria nei depositi. "Ciò sottolinea l'enorme impatto che una maggiore partecipazione al dettaglio nei mercati dei capitali avrebbe sul finanziamento delle imprese europee, dimostrando al contempo che le famiglie potrebbero beneficiare contemporaneamente di un aumento della redditività dei loro risparmi a lungo termine, garantendo così un migliore reddito da pensione", insistono.

I paesi con la più bassa percentuale di depositi tendono ad avere la più alta percentuale di ricchezza finanziaria investita in fondi pensione. Dall'ente concludono che questa situazione riflette gli sforzi politici duraturi compiuti in questi Paesi per ottenere un'elevata copertura delle pensioni finanziate attraverso accordi obbligatori o quasi obbligatori. "Poche famiglie investono nei mercati dei capitali senza essere spinte o costrette a farlo", illustrano. Questa è una conclusione confermata dall'ultima indagine della Banca centrale europea. Mentre le famiglie europee hanno il 10% dei loro risparmi in fondi di investimento, solo il 10% investe in fondi. In altre parole, un piccolo gruppo di famiglie investe molto in fondi.

Numerosi studi in vari paesi europei aiutano a identificare il timore di perdite come la ragione principale di questa bassa quota di mercato. Questo è in parte comprensibile. Le famiglie europee sono ancora segnate da importanti cadute come la bolla delle dot-com, la crisi finanziaria del 2008 e dell'euro nel 2012. Ma in parte la regolamentazione non ha funzionato per ovviare alle carenze. 

"In generale, il quadro normativo tende ad essere tendenzialmente orientato verso i depositi bancari, in quanto avere un conto bancario è considerato un servizio bancario di base. Gli investimenti in strumenti del mercato dei capitali, tuttavia, richiedono una procedura molto più complessa, che tende a dissuadere molte persone dal compiere questo passo", afferma l'EFAMA. "Anche se ci sono buone ragioni per questo, ha un impatto sulla composizione della ricchezza finanziaria delle famiglie e sulla loro capacità di aumentare i loro risparmi e di proteggerli dall'inflazione", insistono. 

Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente