I fondi che hanno messo al tappeto i BOT


Nel decennio post-crisi (2008-2018), i fondi comuni aperti e le Sicav di diritto italiano hanno dato una bella lezione ai BOT in termini di rendimenti. A rivelarlo è ‘L’indagine annuale su fondi e sicav di diritto italiano’ condotta dall’Area Studi di Mediobanca che parte da una semplice domanda: se a fine 2008 avessimo investito 100 euro su un fondo, quanto avremmo guadagnato dopo 10 anni? La risposta è nel grafico che segue:

mediobanca

100 euro investiti in fondi comuni aperti italiani sono diventati, in media, 128 euro rispetto ai 113 dei BOT. A restituire i risultati migliori sono stati i fondi azionari, con 191 euro di ricavi.

I fondi migliori

Iniziamo col dire che i fondi comuni aperti hanno garantito un rendimento medio su 10 anni che oscilla tra il 14,6% e il 12,4% l’anno. La top 10 delle performance lorde vede sul podio di Mediobanca il prodotto BNL azioni America che ha garantito un rendimento medio del 14,6%. Dunque, chi avesse investito 100 euro su questo comparto ne avrebbe intascati 432 dopo 10 anni. Segue l’Anima America (Classe A) con un rendimento annuo del 14,4% che avrebbe fruttato 424 euro e l’Amundi Azionario America (classe A) con un rendimento medio del 13,6% e un ricavo di 395 euro. Chiude la classifica l’Allianz azioni America con un rendimento pari al 12,4% e ricavi di 353 euro.

Schermata_2020-02-01_alle_11

 

Per asset manager, le entità che vantano i fondi migliori nella top 30 sono Anima (con 8 prodotti), Eurizon (3), Amundi, Arca, Azimut, BNP Paribas, Fideuram e Pramerica (2).

…e i BOT?

Il grafico sopra mostra anche quale sarebbe stato il guadagno di un investimento in BOT (linea rossa) o BTP (linea blu). È evidente che chi avesse scommesso su questi titoli non avrebbe portato a casa risultati altrettanto soddisfacenti. 100 euro investiti in BOT, infatti, il 10 anni avrebbero fruttato 109 euro mentre i BTP avrebbero reso qualcosa in più, 176 euro. Sebbene da un punto di vista della garanzia del capital questi investimenti siano ritenuti più sicuri, i loro rendimenti e ricavi non assicurano risultati elevati.

Società

Notizie correlate

Oltre i BTP, l’allocazione strategica delle compagnie assicurative oggi

Stefano Colombo, responsabile Business Istituzionale di Legg Mason, Dario Lanticina, chief investment officer di Amissima, Giorgio Pieralli, head of Illiquid Assets di Zurich Italia e Marco Romani, head of Investment Advisory di CNP Partners analizzano un panorama di investimento radicalmente mutato per effetto delle politiche monetarie delle principali Banche centrali guardando al futuro dei portafogli assicurativi.