H2O AM spiega perché i suoi fondi sono stati temporaneamente chiusi


La scorsa settimana la casa di gestione affiliata di Natixis IM, H2O AM, ha annunciato la sospensione temporanea di alcuni dei suoi fondi Global Macro. La misura è stata adottata in considerazione delle difficoltà di vendita delle sue partecipazioni in attività private e illiquide. Secondo la società francese, questo periodo di sospensione è temporaneo e dovrebbe durare circa quattro settimane, durante le quali H2O gestirà attivamente i portafogli e creerà delle side pockets per i sette fondi menzionati, dove potranno depositare i beni privati inclusi nei fondi e che presentano problemi di valutazione. In una dichiarazione ufficiale, la società ha fornito maggiori dettagli sull'impatto di queste side pockets. Questi scomparti speciali dei fondi Global Macro vanno dal 7-9% stimato nell'Adagio H2O al 25-35% nell'Allegro.

Screen_Shot_2020-09-07_at_10

Questi espisodi stanno interessando l’asset manager da più di un anno. Come l'azienda stessa spiega nel comunicato stampa, H2O investe in attività private e non quotate dal 2015, seguendo le restrizioni dei regolamenti UCITS, che consentono fino al 10% di esposizione per fondo. Il problema è sorto nel giugno 2019, quando hanno cercato di vendere le loro posizioni in attività legate alla società d'investimento Tennor, di proprietà del problematico investitore tedesco Lars Windhorst.

Tale vendita è fallita, per cui hanno deciso di ristrutturare le operazioni sotto forma di acquisti temporanei degli attivi (contratti di vendita e riacquisto) che, a parere dell'impresa, remuneravano ad un tasso interessante. "Il nostro obiettivo è sempre stato quello di vendere questi beni al miglior prezzo e nel migliore interesse dei nostri azionisti", insistono.

Ma all'inizio del 2020 il forte calo dei mercati dovuto alla crisi di COVID-19 ha inciso sulla quota di transazioni legate ai beni privati nei loro portafogli. La sottoperformance delle loro strategie Global Macro, combinata con i riacquisti ad alto rendimento di cui sopra, ha aumentato il peso del patrimonio privato nei portafogli.

Così, a fine agosto l'esposizione di attivi privati o non quotati è passata dal 2,7% al 4,7% (nei fondi H2O Adagio, H2O Moderato, H2O Vivace, H2O MultiBonds, H2O MultiStrategies e H2O Allegro) al 2,8%-9% a seconda del rischio del fondo. Inoltre, anche le operazioni di riacquisto sono aumentate, passando dall'1,8-15% al 3,1-25%.

Il gestore ha raggiunto accordi con investitori privati per la vendita di opere d'arte provenienti da questi beni illiquidi. Nel piano iniziale, la metà di queste posizioni sarebbe stata chiusa entro la fine di giugno e la restante metà entro giugno 2021, ma ora riconoscono che l'esecuzione di questo accordo ha subito un rallentamento, anche a causa degli obblighi di conformità e di due diligence. Pertanto, a fine agosto, su richiesta dell'autorità di regolamentazione francese, è stato deciso di sospendere le sottoscrizioni e i rimborsi dei fondi in questione.

Società

Notizie correlate