GSAM lancia fondo ESG sul reddito fisso globale


Si amplia l'offerta obbligazionaria di Goldman Sachs Asset Management (GSAM) con il lancio del fondo GS Global ESG Enhanced Income Bond Portfolio.

Il nuovo strumento è gestito dal team Global Fixed Income, con oltre 700 miliardi di dollari di masse in gestione al 30 giugno 2020, e punta ad offrire agli investitori l’accesso all’ampia gamma di opportunità nel reddito fisso globale: obbligazioni corporate, credito cartolarizzato e debito dei mercati emergenti. L'obiettivo è di ottenere ritorni elevati e un apprezzamento del capitale nel lungo periodo.

Analisi ESG 

Le obbligazioni in portafoglio sono identificate attraverso una ricerca fondamentale che integra l’analisi ESG. In primo luogo, il team Global Fixed Income effettua esclusioni di settori e società che non rispettano gli standard ESG stabiliti. Questo fa sì che dal fondo vengano esclusi settori come quello del tabacco e altri business model non in linea con le norme e i valori ampiamente accettati, comprese le società che violano i principi del Global Compact delle Nazioni Unite. Successivamente il team conduce un’analisi dei flussi dei ricavi delle singole società per verificare la presenza di fattori sociali e ambientali negativi.

"Il GS Global ESG Enhanced Income Bond Portfolio si impegna per escludere, in maniera consapevole, le società che, a nostro avviso, presentano un profilo ESG debole. Riteniamo che questo approccio possa contribuire alla performance di lungo termine", ha dichiarato il Global Fixed Income portfolio manager Jonathon Orr.

"La pandemia di COVID-19 ha amplificato l’attenzione degli investitori sui rischi ambientali, sociali e di governance. Il nostro impegno nei confronti dei temi ESG è un punto fermo. A nostro avviso il GS Global ESG Enhanced Income Bond Portfolio è in grado di soddisfare la necessità sempre più sentita nel comparto di raggiungere gli obiettivi di investimento con un’attenta considerazione dei fattori ESG", ha aggiunto Kathleen Hughes, managing director del Business Client. 

"Riteniamo che l’analisi dei fattori ESG sia fondamentale per identificare i rischi di business del XXI secolo e che l’integrazione di tali fattori sia quindi un nostro dovere fiduciario in qualità di gestore attivo. L’ESG è una responsabilità di tutti i professionisti del settore degli investimenti, non solo di quelli che utilizzano il termine ESG nel loro job title", ha concluso Ashish Shah, Co-Chief Investment Officer del Global Fixed Income.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente