Growth o value? Attenzione ai segnali che manda il mercato


Nell'ultimo decennio, l’approccio value ha perso numerosi fan in tutto il mondo. Molti di coloro che storicamente avevano scommesso sul value come approccio d’investimento sono passati al growth o alle strategie blend e anche i nuovi investitori preferiscono investire in questi approcci.

Questo fenomeno ha trasformato il value, uno stile egemonico in Europa fino a 10 anni fa, in un investimento che oggi potrebbe persino essere definito contrarian. Un decennio fa, il 56% del capitale investito a livello globale in fondi azionari europei era in strategie value, rispetto al 15% in prodotti growth. Oggi, la percentuale di asset in fondi value è del 10%, mentre il growth rappresenta il 43%. Un rollover davvero considerevole.

L’azionario europeo è stata la categoria in cui il value era la filosofia di investimento predominante. Tuttavia, a poco a poco, ha perso terreno nel corso degli anni, non solo a favore dei fondi growth, ma anche blend, passando dal 29% nel 2009 al 47% 10 anni dopo. La perdita di interesse degli investitori per il value colpisce tutte le categorie di fondi azionari. Un decennio fa il 42% dei fondi azionari statunitensi era value, rispetto al 52% in growth. Quei 10 punti percentuali di differenza sono ora diventati 39, dato che oggi la stessa categoria è rappresentata dal 25% value e dal 64% growth.

Inoltre, nei fondi azionari globali ed emergenti, dove nel 2009 vi era un equilibrio quasi perfetto tra growth e value, oggi il divario si è ampliato. Le strategie value dei mercati azionari emergenti rappresentano il 6% del totale (quando in precedenza rappresentavano il 33%), mentre il growth è aumentato dal 32% al 52%. Allo stesso tempo, l’azionario globale è passato dal 42% al 14%, mentre il growth ha consolidato la sua egemonia, passando dal 43% al 52%

Captura_de_pantalla_2019-10-03_a_las_17

(Fonte del grafico: Morningstar. Dati di JPMorgan con dati al 7 agosto).

“In un momento in cui il ciclo è molto avanzato e il potenziale di crescita delle economie è più limitato, la maggior parte degli investitori si è concentrata sull'identificare le società che otterranno i migliori profitti in futuro. Con il risultato che, indipendentemente dalla metrica utilizzata (P/E, flusso di cassa ...), il divario tra growth e value è enorme ", afferma Gary Chropuvka, team manager delle strategie di investimento quantitative in Goldman Sachs AM e Javier Rodríguez Alarcón, analista dello stesso team.

Naturalmente rispetto a un tempo ci sono anche meno società a sconto. “La differenza tra i due stili è al massimo storico. Sarebbe normale assistere in futuro a una inversione. Questo non significa che la chiusura del gap tra growth e value avverrà dall'oggi al domani. In generale, la svolta, una volta raggiunta, segna una tendenza che di solito dura diversi anni”, rivela Alarcón.

Anche John Surplice, gestore dell’Invesco Pan European Equity, si domanda quanto tempo ci vorrà per colmare nuovamente il divario. Secondo l’esperto di Invesco, “il value era stato più economico solo durante il boom delle dotcom”.

Captura_de_pantalla_2019-10-03_a_las_17

Professionisti
Società

Notizie correlate