Grant Leon (Capital Group): "Il 99% dei flussi si sta spostando verso l’1% dei fondi”


Capital Group ha alcune caratteristiche idiosincratiche che la rendono unica” così esordisce Grant Leon, managing director per gli intermediari finanziari in Europa e Asia. Si tratta di una società con 400 professionisti dedicati agli investimenti, metà con sede negli Stati Uniti e l'altra metà nel resto del mondo. Questo la rende un'azienda globale con 2.000 miliardi di euro concentrati in una gamma di prodotti relativamente piccola, costituita da circa 45 fondi azionari, obbligazionari e multi-asset.

Caratteristiche idiosincratiche

Leon cita le varie caratteristiche che, a suo avviso, distinguono Capital Group. “Dagli anni '30, quando l'entità è stata fondata, non abbiamo mai chiuso un fondo né perché troppo grande, né perché troppo piccolo. Tutti i prodotti che sono stati lanciati sono ancora distribuiti. Analizziamo le tendenze di lancio di nuovi fondi con molta curiosità e siamo lieti di rimanerci fuori e di non parteciparvi. Ci concentriamo invece sul fare bene ciò che abbiamo già dimostrato di saper fare. La nostra strategia a livello di prodotto prevede scommesse su una gamma che risponde a una prospettiva multi-generazionale. Questo è qualcosa di molto insolito per un'organizzazione”.

In Lussemburgo la Sicav ha un capitale in cui sono presenti 23 comparti. Tra i piani di Capital Group per i prossimi anni c'è quello di aumentare quel numero, soprattutto lanciando repliche di prodotti americani, come nel caso della New Perspective. “Il nostro obiettivo è completare il processo di distribuzione per i nostri clienti in Europa e in Asia, di espandere quindi molte di quelle strategie che già commercializziamo negli Stati Uniti. Sono fondi che hanno una storia alle spalle, qualcosa di molto importante nel mondo retail, in cui la storia è qualcosa su cui fanno leva i private banker e i consulenti finanziari per spiegare il prodotto ai loro clienti. Nel mondo istituzionale, la storia è meno rilevante, ma entrano in gioco altri fattori”, aggiunge il manager.

In tal senso, la semplicità dei fondi che Capital Group vende è, secondo Leon, un'altra delle principali caratteristiche distintive dell'entità. "Il fatto che non utilizziamo derivati o che i nostri manager si dedichino esclusivamente alla gestione, delegando il compito di viaggiare per spiegare le strategie agli specialisti degli investimenti, è qualcosa di molto raro nel settore", sottolinea. Questo modello unico si riflette anche nel modo in cui i fondi sono gestiti, con portafogli divisi equamente e ciascuna parte viene gestita da un esperto, il che elimina in gran parte uno dei grandi rischi per l’attività di portfolio management: il rischio del gestore”, spiega.

La società di recente è stata in grado di verificare la robustezza del loro modello, con il caso di Mark Denning. Questi è stato uno dei gestori del fondo European Growth and Income Fund, sino a settembre dell’anno scorso, quando ha lasciato l'azienda dopo che avevano scoperto di aver effettuato una serie di investimenti personali che violavano il codice etico dell'entità e del settore. “Quando l'abbiamo scoperto, abbiamo agito immediatamente e Denning ha smesso di far parte di Capital Group. Non ha avuto alcun impatto sul fondo a livello di risultati, né sui rimborsi. Il codice interno del Gruppo Capital è pubblico, è sul nostro sito Web e, in questo caso, stiamo studiando come rafforzare i nostri controlli interni ”, rivela Leon.

Tendenze di settore: i mandati

A livello di business, Italia, Spagna e Regno Unito, sono i mercati in cui la società ha registrato la più forte crescita azionaria nel 2019. Sono anche mercati in cui i mandati stanno guadagnando terreno. “Attualmente, in Europa ci sono 800 miliardi di euro in conti separati di intermediari finanziari. I consulenti esterni prevedono che questo volume raggiungerà il bilione nei prossimi tre anni. I Paesi chiave sono, in questo ordine, Italia, Regno Unito, Svizzera e Germania. Prevediamo che l'attività dei mandati crescerà ancora e Capital Group sarà in grado di partecipare a questa tendenza offrendo soluzioni di investimento in conti separati. Lo stiamo già facendo in alcuni mercati, gestendo repliche dei nostri fondi ", spiega Leon.

Dall'architettura aperta all'architettura guidata

Un'altra delle grandi tendenze che sta vivendo l'industria europea del risparmio gestito è il passaggio da un modello di architettura aperto ad un modello guidato. “È un fenomeno che si verifica da molti anni, ma sta accelerando. Abbiamo conversazioni quotidiane con organizzazioni che affermano di muoversi in questa direzione. Ci sono casi estremi. Alcune entità che precedentemente lavoravano con più di 100 asset manager, ora lo fanno con tre o quattro partner. Ciò si riflette nella struttura del settore stesso, in cui il 99% dei flussi andrà verso l’1% dei fondi. Questa tendenza, di vedere sempre più denaro andare in mano a un numero inferiore di gestori e fondi, continuerà ”, prevede.

Secondo Leon questa evoluzione dell'industria europea del risparmio gestito potrebbe solo avvantaggiare una società come Capital Group. “Per noi rappresenta un vento in poppa, che ci ricorda il modo in cui creiamo il business negli Stati Uniti. In un tale scenario, ci sono due cose che sono fondamentali per un asset manager: la dimensione e la stabilità. Capital Group li ha entrambi. Ha una vasta offerta di prodotti, essendo un'azienda che ha dimostrato grande stabilità nel tempo, non è mai stata coinvolta nei tipici processi di fusione e acquisizione che hanno caratterizzato ultimamente il settore ”. Ha anche una grande dimensione in termini di volume di attività, il che è un vantaggio quando si tratta di essere più efficiente in termini di costi.

Tema di commissioni

“Il TER dei nostri fondi è inferiore rispetto la media di settore”, dichiara Leon. “Abbiamo visto che i nostri competitor stanno lanciando classi che collegano la commissione ai risultati generati dal fondo. La verità è che non è qualcosa che i nostri clienti commentano molto. Non sentiamo un pressing tale da introdurre quelle classi di investimento”, aggiunge. La società ha preferito concentrarsi sull'efficientamento dei costi annuali, in particolare del TER (Total Expense Ratio). “Negli ultimi anni nel settore si è posta troppa enfasi sui costi di gestione e non abbastanza sulle commissioni totali. E quello alla fine è il costo reale che il cliente paga ", sottolinea.

Leon in qualità di managing director per gli intermediari finanziari in Europa e Asia riesce ad avere una visione globale del settore. “Nel Regno Unito c'è una maggiore domanda di azionario. Lo stesso vale per la Germania. D'altra parte, in Italia e Spagna, gli interessi sono concentrati sul reddito fisso. Ciò che accomuna tutti i mercati oggi è la maggiore cautela delle banche private, che detengono posizioni in liquidità superiori alla media storica. Dato il livelli dei tassi, avere così tanta liquidità è un problema, soprattutto quando in alcuni Paesi il cliente paga il privilegio di avere cash. La realtà è che quest'anno molti investitori non hanno partecipato al rally di borsa ”, si lamenta.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente