Tags: Business | ETF | SRI |

Gli ETF si impongono come una delle soluzioni più adatte per l’investimento responsabile


Contributo a cura di Vincenzo Sagone, head of ETF, Indexing & Smart Beta business unit, Amundi SGR. Contenuto sponsorizzato.

Da diversi anni, grazie alla presa di coscienza circa l’importanza dei fattori ambientali, sociali e di governance (ESG), l’investimento responsabile è al centro di un crescente interesse da parte degli investitori. Una tendenza di fondo che interessa naturalmente anche gli ETF, oggi parte integrante delle scelte core di gestione del portafoglio degli investitori. Tale interesse si traduce in un livello di raccolta significativo, che ha portato le masse gestite nel mercato europeo degli ETF ESG ad oltre 34 miliardi di euro1.

Gli ETF, uno strumento adatto all’investimento responsabile

Gli ETF possono integrare l’investimento responsabile, applicando alcuni principi propri all’ESG. In Amundi, ad esempio, tutti gli ETF escludono sistematicamente i produttori di armi controverse2 e la politica di voto consente di instaurare un dialogo su tematiche come il clima o le disparità sociali. È inoltre possibile optare per un’esposizione esplicita ad indici ESG, classificabili in due categorie. La prima include gli indici ESG “generalisti”, che mirano a migliorare la notazione ESG globale dell’indice di riferimento o che applicano una politica di esclusione di settore più o meno ampia (carbone, tabacco…). Questa categoria include indici molto granulari, dotati di un’intensità ESG più o meno accentuata. La seconda categoria è quella degli indici con obiettivi ESG più specifici. È il caso, fra l’altro, degli indici sul clima, come ad esempio quelli Low Carbon che mirano a costituire portafogli con una bassa carbon footprint.

Trasparenza e performance

Qualunque sia l’approccio responsabile scelto e la sua intensità, gli ETF ESG presentano il grande vantaggio di avere una metodologia di costruzione totalmente trasparente. L’investitore è quindi certo di conseguire gli obiettivi prefissati in materia di ESG.

Il tema della performance resta poi un elemento essenziale. Un certo numero di studi, tra cui alcuni pubblicati dal dipartimento di Ricerca di Amundi3, mostrano che i portafogli con una sovraesposizione a titoli selezionati in base a criteri ESG hanno un rendimento superiore alla media. Questo fenomeno può essere spiegato in particolare dalla migliore gestione dei rischi di governance o dei rischi climatici negli indici responsabili.

Strumenti adatti ad ogni tipo di investitore

L’interesse per l’investimento responsabile accomuna tutti gli investitori. I clienti privati, e in particolare i millennial, sono sempre più sensibili a queste problematiche e vogliono dare maggior senso e impatto al proprio risparmio. Anche gli investitori istituzionali (fondi pensione, compagnie assicurative…) investono ormai da diversi anni in questo tipo di soluzioni, che soddisfano la richiesta degli stakeholder di adottare un approccio più responsabile agli investimenti, soprattutto in materia di cambiamento climatico. Molti di essi, in particolare, guardano all’investimento responsabile attraverso l’engagement e il dialogo con gli emittenti piuttosto che attraverso la strategia dell’esclusione. Una posizione che consente a questi investitori di avere una politica d’impegno ben definita, monitorando al tempo stesso il proprio budget di tracking error. L’applicazione di esclusioni ESG a determinati indici riduce infatti l’universo d’investimento, aumentando di fatto il rischio di tracking error.

Crescita dei mandati ESG

Il successo degli ETF ESG è accompagnato inoltre dalla crescente applicazione di vincoli ESG ai mandati di gestione indicizzata. Una grande maggioranza dei bandi di gara per la gestione indicizzata cui partecipiamo in Europa o Asia comportano una dimensione d’investimento responsabile. Le richieste possono essere di diverso tipo. Alcuni investitori chiedono che la politica di voto applicabile al loro mandato sia assertiva, altri chiedono l’applicazione di liste di esclusione più o meno estese o richiedono un’esposizione a indici ESG. Sistematizzare il ricorso all’ESG e misurarne l’impatto nei diversi mandati permette di rispondere a tali, variegate esigenze.

(1) Mercato europeo degli ETF ESG - AUM 12/03/2020

(2) Mine antiuomo, bombe a grappolo, armi ad uranio impoverito

(3) The alpha and beta of ESG investing, Amundi - Gennaio 2019

Messaggio pubblicitario.

Il presente documento è stato predisposto da Amundi. Le informazioni contenute non rappresentano in nessun caso un’offerta di acquisto o di vendita di prodotti finanziari, una raccomandazione avente ad oggetto strumenti finanziari o emittenti di strumenti finanziarie e non sono da intendere come ricerca in materia di investimenti o come analisi finanziaria, dal momento che, oltre a non avere i contenuti, non rispetta i requisiti di indipendenza imposti per la ricerca finanziaria e non è sottoposta ad alcun divieto in ordine alla effettuazione di negoziazione prima della diffusione. Le informazioni contenute sono ritenute accurate alla data della sua redazione. Le opinioni espresse riflettono il giudizio di Amundi al momento della redazione e possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Si declina qualsiasi responsabilità in caso di qualsivoglia perdita, diretta o indiretta, derivante dall’affidamento alle opinioni o dall’uso delle informazioni ivi contenute. Eventuali dati riferiti a performance passate non sono un indicatore attendibile di performance attuali o future. Amundi non conferma, assicura o garantisce l'idoneità a qualsiasi scopo di investimento delle informazioni ivi contenute, le quali non devono essere utilizzate come unica base per le decisioni d'investimento. Tali informazioni non intendono sostituire in alcun modo le autonome e personali valutazioni che il destinatario è tenuto a svolgere prima della conclusione di una qualsiasi operazione attinente a strumenti e prodotti finanziari. Prima di qualunque investimento, prendere attenta visione della documentazione relativa allo strumento finanziario oggetto dell'operazione, la cui sussistenza è disposta dalla applicabile normativa di legge e regolamentare tempo per tempo vigente.

Il presente documento non è diretto alle “US Person” così come definite nel U.S. «Regulation S» della Securities and Exchange Commission. Il presente documento non può essere riprodotto, distribuito a terzi o pubblicato, in tutto o in parte, senza la preventiva autorizzazione scritta di Amundi. Amundi ETF rappresenta l’attività in ETF di Amundi Asset Management (SAS), Società di gestione autorizzata dall'Autorité des Marchés Financiers ("AMF") con il n° GP 04000036 - Sede sociale: 90 boulevard Pasteur 75015 Paris, France – 437 574 452 RCS Paris ed avente capitale sociale di EUR 1 086 262 605.

Professionisti
Società

Notizie correlate