Ecco perché la concentrazione in grandi gruppi societari continuerà nei prossimi anni


Appena una settimana fa sono state annunciate due importanti operazioni di concentrazione societaria nell’industria dell’asset management: l'offerta pubblica di acquisto di Franklin Resources, la società madre di Franklin Templeton Investments, nei confronti di Legg Mason e l'acquisizione di Merian GI da parte di Jupiter AM per un valore di 469 milioni di euro, in attesa di essere approvata del regolatore. Anche se le due operazioni hanno avuto luogo in mercati differenti (USA e UK), una parola chiave, apparsa nei comunicati stampa con cui Franklin Templeton e Jupiter AM hanno reso pubbliche le operazioni, le accomuna: diversificazione, sia in termini di prodotto che di tipologia di clientela e di mercato.

In particolare, Jupiter AM afferma nel comunicato che la fusione consentirebbe ai suoi cinque maggiori fondi di rappresentare solo un terzo del patrimonio complessivo gestito. Inoltre permetterebbe di aggiungere nuovi stili di gestione. Jenny Johnson, CEO di Franklin Templeton, ha dichiarato che grazie all'acquisizione "verranno ampliate le soluzioni multi-asset, un'area di crescita fondamentale per l'azienda in un contesto di crescente domanda da parte dei clienti di soluzioni d'investimento complete e orientate alla performance".

La diversificazione è una delle maggiori sfide che gli asset manager internazionali dovranno affrontare nei prossimi anni in un contesto di bassa redditività del business e bassa inflazione. "Più il business è di piccole dimensioni e meno diversificato, più è vulnerabile ai cambiamenti improvvisi del mercato e minori sono gli spazi di manovra per reagire. Se è grande, invece, può resistere meglio a quello che può succedere sui mercati", afferma Paloma Cabello, docente di M&A al Master di International Finance dell’Istituto di studi di borsa (IEB) di Madrid.

Non è un caso che KPMG, in un recente rapporto sulle prospettive del settore negli Stati Uniti, stimi che tale tendenza al consolidamento continuerà nei prossimi anni. "Il processo di consolidamento ha già ridotto il numero delle donne manager del 20% negli ultimi cinque anni. Prevediamo inoltre che entro il 2025 almeno il 20% dei manager sarà acquisito o diminuirà", afferma Greg Peterson, responsabile delle operazioni di servizi finanziari della società di consulenza.

Più varietà di prodotto

La diversificazione è anche alla base dell'interesse dimostrato da alcuni asset manager di includere nell’offerta un ramo dedicato agli investimenti nei mercati privati. "Molti investitori sono arrivati in ritardo in questo segmento e ora vogliono entrarvi, perché attualmente non ci sono molte opzioni disponibili per investire denaro e ottenere dei ritorni", spiega Cabello. Solo negli ultimi 12 mesi Schroders ha completato l'acquisto di Secquaero Advisors AG, la società di gestione di real estate di Blue AM, e della compagnia di impact investing Blue Orchard. Per rafforzare le attività di gestione quantitativa, Edmond de Rothschild ha rilevato il 34% di ERAAM e, più recentemente, Neuberger Berman ha acquisito la boutique immobiliare Almanac Rfealry Investors.

Come spiegato da Morgan Stanley e dalla società di consulenza Oliver Wyman nel rapporto intitolato Searching for Growth in an Age of Disruption, gli asset privati e alternativi sono una delle aree di crescita su cui il settore potrà contare nei prossimi anni. Anche la domanda da parte degli investitori istituzionali in questo ambito è in crescita. Secondo un recente studio di Willis Towers Watson, all’interno dei portafogli dei grandi fondi pensionistici l’allocazione ad asset alternativi è cresciuta di 17 punti percentuali negli ultimi 10 anni, passando complessivamente dal 6 al 24%.

Più mercati

Oltre diversificazione per prodotti o strategie, si ricerca anche una diversificazione per mercati. "La maggior parte delle aziende europee ha cercato di espandersi in Asia, mentre molti gestori di investimenti con sede negli Stati Uniti si sono concentrati sull'aumento della loro presenza sia in Europa che in Asia. Questa tendenza evidenzia l'importanza della crescita nei mercati maturi per espandere le linee di prodotto in nuove classi di attivi", osservano i consulenti di Deloitte Sean Collins e Doug Danemiller in un articolo in cui analizzano le tendenze del settore.

Prezzi migliori

E infine c'è la questione dei risparmi sui costi che comporta ogni fusione. "Ha perfettamente senso che ci sia una propensione al consolidamento nel settore perché nel mondo degli investimenti il denaro tende ad organizzarsi in modo naturale. Siamo in presenza di un fenomeno che, in un contesto di tassi bassi, maggiore regolamentazione e costi crescenti continuerà a verificarsi. È molto difficile competere sui costi se non si è una società di buone dimensioni", dice Cabello.

Le società di consulenza Casey Quirk e McLagen hanno cercato di quantificare questi costi in un rapporto intitolato 2019 Performance Intelligence, a cui hanno partecipato 70 grandi case di gestione di tutto il mondo. Secondo lo studio negli ultimi anni i costi non recuperabili (compresi i costi normativi, dei servizi di back office, per la tecnologia e gli uffici) sono passati in soli quattro anni dal 26% al 30% delle spese che deve affrontare una società di gestione.

Le vie di crescita del settore nei prossimi anni

Senza_titolo

Società

Notizie correlate

I più letti