Focalizzarsi sulla diversificazione per far crescere e proteggere il capitale


Gli investitori hanno da sempre una sola priorità, far crescere e proteggere il proprio capitale, gestendo, al contempo, la volatilità. Dato il contesto politico ed economico di forte incertezza, questo oggi risulta sempre più complicato, e pertanto le difficoltà nell’identicare strumenti che soddisfino tali aspettative sono paragonabili ormai a quelle della ricerca dell’oro. Sono rimasti in pochi i prodotti capaci di raggiungere ancora tali obiettivi, Aviva Investors, con il suo Aviva Investors Multi-Strategy Target Return Fund, è uno di questi. Il fondo lanciato nel luglio 2014, è diventato il principale prodotto all’interno della gamma Aviva Investors Multi-Strategy (AIMS) e si è aggiudicato quest’anno il rating Blockbuster Funds People.

Dall'inizio dell'anno abbiamo assistito a un significativo cambiamento nella politica monetaria, con le principali banche centrali che hanno adottato un tono più accomodante, segnale che i mercati finanziari hanno però accolto con forte entusiasmo. Ma come riuscire a non deludere le attese degli investitori all’interno di uno scenario sempre più incerto? L'attuale ciclo di crescita statunitense (il più lungo della storia) e le questioni geopolitiche, si stanno traducendo in frequenti picchi di volatilità. In uno scenario simile, focalizzarsi su diversificazione, avere accesso ad un set di opportunità più ampio e la capacità di beneficiare dei cali di mercato attraverso posizioni short e relative value, possono fare la differenza, come nel caso dell’Aviva Investors Multi-Strategy Target Return Fund.

Posizionamento del fondo

Per la parte obbligazionaria il gestore ha optato per il controllo del rischio. “La nostra decisione di modificare la duration di portafoglio da negativa a positiva si è rivelata opportuna, in quanto i rendimenti obbligazionari sono diminuiti significativamente. Nonostante cedole più basse, gli asset privi di rischio rimangono, a nostro avviso, un importante fattore di diversificazione nel processo di costruzione del portafoglio”, commenta Peter Fitzgerald, chief investment officer, Multi-asset & Macro e Portfolio Manager, AIMS Target Return e Target Income Funds di Aviva Investors, nello spiegare il suo attuale posizionamento. “La sezione riduzione del rischio del portafoglio favorisce posizioni obbligazionarie long in Australia e, in particolare, negli Stati Uniti. Allo stesso modo, facciamo riferimento anche a un paniere limitato di valute asiatiche a basso beta per proteggerci da un rallentamento della crescita globale e/o da un'escalation delle controversie commerciali”, aggiunge Fitzgerald.

Mentre la crescita globale potrebbe aver già raggiunto il suo picco, rimangono delle opportunità negli asset di rischio, sostiene il gestore. La fame di rendimento degli investitori è ancora elevata, ciò rende il carry trade una proposta interessante. “Il debito dei mercati emergenti in valuta forte e il sub-debito finanziario europeo sono alcune delle nostre aree preferite”, dichiara l’esperto.

Anche la view sull’azionario rimane positiva, sebbene il loro profilo rischio/rendimento non sia così convincente come alla fine del 2018. “La nostra esposizione al rischio azionario è inferiore a quella di inizio anno, mentre gli Stati Uniti rimangono l’area geografica preferita”, conclude Fitzgerald.

Professionisti
Società

Notizie correlate