Tags: Business |

Fidelity ci ripensa e assume i costi della ricerca


Fidelity si unisce al gruppo di società che assumeranno i costi della ricerca esterna, scegliendo di non addebitarli al cliente, indipendentemente dal tipo di veicolo di investimento, dal tipo di cliente (isituzionale o retail) o area geografica. La fund house conferma ora la propria posizione dopo diversi mesi di riflessioni, analisi interne e un ampio dibattito con i propri clienti.

È necessario chiarire che l'intenzione iniziale della società era di applicare il Research Payment Account (RPA), che consiste nel pagare i fornitori esterni attraverso un budget raccolto da una commissione di ricerca, che viene richiesta insieme alle commissioni per le operazioni nella contrattazione di fondi azionari. "Un elemento chiave della nostra decisione iniziale di applicare l'approccio RPA era il nostro desiderio di avere un modello che trattasse tutti i clienti allo stesso modo, indipendentemente dal fatto che fossero coperti o meno da MiFID II. Questo approccio è in linea con la nostra piattaforma globale di ricerca, sulla quale sono basate tutte le nostre strategie azionarie", spiega Paras Anand, direttore degli investimenti azionari della società in Europa.

Il manager spiega che, dal momento che la maggior parte delle società ha scelto di assumersi i costi, se Fidelity non l'avesse fatto, avrebbe causato ai propri clienti, “nella maggior parte dei casi, conseguenze sproporzionate dal punto di vista operativo e informativo”. “Queste sfide e inefficienze per i nostri clienti non erano quelle che avevamo previsto, quindi abbiamo deciso di passare al modello di analisi finanziato da Fidelity, a partire dal 3 gennaio 2018, quando il nuovo regolamento è diventato operativo", aggiunge Anand.

Un modello rivoluzionario

È la fine di un processo iniziato lo scorso ottobre, quando la società di gestione comunicava l'intenzione di analizzare in profondità le conseguenze per la sua attività dell'introduzione della MiFID e annunciava il suo piano per rivoluzionare la riscossione delle commissioni per la gestione di alcuni dei suoi fondi. Il nuovo modello consiste nella riduzione generale della commissione di gestione annuale di base dello 0,10% per le classi di azioni con commissioni variabili, applicate alla gamma di fondi azionari a gestione attiva di Fidelity.

In questo caso, il ciclo di consultazioni ha confermato la decisione ufficiale della società sull'applicazione dei nuovi modelli di commissione: "Abbiamo riscontrato una risposta positiva e un alto grado di accettazione del modello di commissione variabile da parte dei clienti attuali e dei nuovi e non vediamo l'ora di lanciare questo tipo di modello in molte delle nostre strategie principali", afferma il direttore degli investimenti azionari per l'Europa.

Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente

I più letti