Fed: nessun aumento dei tassi fino al 2024


Ancora una volta una riunione delle banche centrali con più parole che azioni, ma l'ultimo meeting della Federal Reserve porta un messaggio importante ai mercati: tassi a zero per molto più tempo. Non ci sarà alcun aumento dei tassi negli Stati Uniti almeno fino al 2024. 

Secondo il grafico a linee tratteggiate aggiornato a settembre, la maggioranza dei membri del board della Fed non voterà per aumentare i tassi per tutto il 2023. L'attuale gamma di obiettivi rimarrà tale fino a quando non saranno soddisfatte tre condizioni. In primo luogo, che l'inflazione sia salita al 2%, e che sia sulla buona strada per superare moderatamente il 2% per qualche tempo. Questa è la prima menzione di un'inflazione superiore al 2% in una comunicato ufficiale post-riunione, ricorda John Bellows, portfolio manager di Western Asset. E terza condizione, il mercato del lavoro dovrebbe essere in piena occupazione.

Si tratta di criteri specifici, ma il linguaggio può essere analizzato per trarne varie interpretazioni. Ad esempio, il concetto di piena occupazione. "Alla conferenza stampa, Powell, rispondendo alla domanda su cosa sarà la piena occupazione, ha detto che utilizzerà una vasta gamma di misure per valutarla. Non sorprende quindi che non sia stata stabilita alcuna lettura della disoccupazione come fattore scatenante di un aumento", afferma Patrice Gautry, capo economista di Union Bancaire Privée (UBP). 

Anche in questo occasione, la Fed ha ribadito il suo impegno per l'acquisto di titoli, continuerà a iniettare 120 miliardi di Dollari al mese per l'acquisto di titoli. Anche se non ha anticipato l'estensione o l'espansione del pacchetto attuale. E Jerome Powell ha insistito ancora una volta sul fatto che le famiglie e le imprese statunitensi avranno probabilmente bisogno di un nuovo pacchetto fiscale se l'economia deve riprendersi dalla crisi. Tuttavia, i gestori internazionali restano convinti che Powell entrerà nuovamente in azione in caso di bisogno. "Dopo tutto, a seconda delle circostanze, la Federal Reserve è ancora disposta ad adeguare tutti i suoi strumenti secondo le necessità. Questo includerebbe anche gli acquisti lungo la curva del Tesoro", dice l'economista di DWS Christian Scherrmann. "Per noi è un chiaro segnale che una qualche forma di estensione delle scadenze (ad esempio il controllo della curva dei rendimenti) rimane sul tavolo", afferma.

L'incontro di settembre non pone quindi fine ai dubbi sorti a Jackson Hole. "Ciò che non è chiaro è quanto a lungo continueranno questi acquisti e se ci sarà un cambiamento nella composizione di questi acquisti", lamenta Bellows. "La nostra opinione era che l'ampiezza delle attuali sfide economiche, unita a un'inequivocabile accomodante polarizzazione da parte dei responsabili della politica della Fed, ha fatto sì che le probabilità che il FOMC continuasse i suoi acquisti per un certo periodo di tempo e che alla fine adeguasse i suoi acquisti a titoli a più lungo termine fossero favorevoli. La mancanza di progressi ha reso meno chiara questa prospettiva, anche se è importante notare che le opzioni non sono state escluse e il dibattito continua", afferma.  

E aggiornare le proiezioni economiche non ha aiutato. Poiché nello stesso momento in cui Powell rafforzava il suo impegno accomodante, la Fed presentava previsioni economiche che molti gestori descrivono come ottimistiche. Sì, il Presidente ha sottolineato che il ritmo di crescita degli Stati Uniti è molto incerto, ma allo stesso tempo le prospettive sono migliorate, come mostra il grafico sottostante. A giugno si prevedeva una contrazione del 6,5% del PIL statunitense e ora si prevede solo il 3,7%. Lo stesso vale per la disoccupazione, che è passata dal 9,3% al 7,6%. Aumentano anche le loro stime per la ripresa: vedono una crescita del 3,5% nel 2022 e del 2,5% nel 2023. "Previsioni troppo moderate, unite ad un netto miglioramento delle prospettive economiche della Fed, sembravano confondere gli investitori. C'è ancora molta strada da fare prima delle elezioni presidenziali...", commenta John Plassard di Mirabaud nella sua nota quotidiana. 

grafico_fed_sept_2020

"Le dichiarazioni non sono state una vera sorpresa, ma possono deludere coloro che cercavano una guida più esplicita su come la politica avrebbe risposto alle mutate condizioni economiche. Tuttavia, è in linea con i precedenti incontri appena prima di un'elezione presidenziale, dove l'approccio è stato quello di evitare di dire o fare qualcosa di controverso", conclude Keith Wade, capo economista di Schroders.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente