Tags: Stile |

FamilyMI: l’educazione finanziaria interattiva e digitale per tutti


Global Thinking Foundation lancia FamilyMI, portale online agile e intuitivo che vuole offrire un supporto concreto all’esigenza di rafforzare l’educazione finanziaria, andando a colmare le lacune di carattere economico, finanziario e previdenziale. Realizzato in collaborazione con FEduF, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio di ABI, e con la Fondazione Politecnico di Milano e la Fondazione Cariplo, FamilyMI propone all’utente 25 video pillole formative, realizzate da METID – Politecnico di Milano, e 5 video pillole testimonial che introducono agli argomenti su cui si sviluppa un questionario online.

Il percorso, ad accesso e fruizione gratuiti, si articola in sette macro-aree tematiche, che vanno dai concetti di base dell’economia, fino alle caratteristiche dei prodotti finanziari e alle soluzioni integrative per la previdenza. In base alle risposte fornite, l’utente viene rimandato a una o più delle video pillole formative, per rivedere i concetti, laddove le sue risposte risultassero errate. Al percorso digitale si affianca una progettualità di incontri frontali sul territorio: i primi eventi in fase sperimentale si sono tenuti con studenti e docenti a Milano. Ne seguiranno altri, estesi a tutta Italia, a partire da settembre.

Claudia Segre, presidente Global Thinking Foundation (in foto) ha espresso “grande soddisfazione rispetto a uno strumento facile e veloce da utilizzare, come richiedono i tempi e le necessità di oggi, ma nondimeno utile, formativo e funzionale. Inoltre”, ha aggiunto, “le 5 video pillole testimonial mostrano come la vita quotidiana di due giovani sorelle sia insospettabilmente occasione di confronto su temi economico-finanziari. In questo senso, il nostro rappresenta il primo esperimento di sit-com divulgativa che parla di educazione finanziaria alle famiglie”.

Notizie correlate

Italiani a scuola di finanza

La pagella degli italiani riporta una brutta insufficienza alla voce ‘educazione finanziaria’. Un dato preoccupante vista la crescente complessità dei mercati e del contesto macroeconomico in cui viviamo. Ma istituzioni e privati non sono rimasti a guardare.