Europa e inflation linked, ecco il portafoglio del nuovo fondo di Aletti Gestielle SGR


Aletti Gestielle SGR prosegue il successo della linea dei prodotti Profilo Cedola 1 e Cedola 2 e lancia un nuovo fondo, Aletti Gestielle Profilo Cedola III. Il prodotto, che rispetto ai precedenti ha un profilo di rischio inferiore, attraverso una gestione attiva del portafoglio, persegue l’accrescimento del capitale investito e il riconoscimento di una cedola annuale di ammontare variabile. Il fondo rientra nella categoria multiasset, con una strategia flessibile che combina un’asset allocation strategica nel medio lungo termine, con una tattica nel breve periodo, in modo da poter cogliere le migliori opportunità di mercato. Durante il periodo di collocamento il prezzo della quota rimarrà fisso a cinque euro e avrà un minimo sottoscrivile di 100 euro. La particolarità del fondo è che distribuisce delle cedole annuali (a partire dal 02/01/2019) con una base di calcolo variabile, con il metodo “delta nav” se superiori o uguali allo 0,50% (floor) e con un massimo pari al 2,50% (cap). L’eventuale eccedenza resterà di pertinenza del patrimonio del fondo.

Il portafoglio, è costituito da una componente azionaria che può essere investita fino a un massimo del 20%. Valentino Bidone, gestore del fondo, spiega come “in questo 20% avrà come peso preponderante l’Europa per lo scenario positivo del momento. Siamo molto ottimisti sul mercato azionario europeo, che beneficia di un quadro macroeconomico in accelerazione e di uno scenario microeconomico in cui gli utili aziendali, dopo molti anni, stanno danno dei convincenti segnali di ripresa”. La seconda componente (un 30%) è costituita principalmente da titoli corporate e in via marginale da emergenti. L’altra metà del portafoglio è composta invece da titoli governativi e liquidità. I titoli governativi utilizzati sono inflation linked, ossia quei titoli, dove la performance è agganciata all’inflazione. “È vero che al momento l’inflazione è bassa, ma riteniamo che con la ripresa del ciclo economico vedremo un’accelerazione alla crescita dei prezzi e quindi, contiamo di  ottenere dei vantaggi”, spiega il gestore a riguardo. La strategia del fondo si basa su dei processi di ottimizzazione secondo il 'black litter-man model': in un primo momento si definisce un portafoglio strategico che ha un orizzonte temporale superiore a un anno e poi si definisce un portafoglio tattico che è rivisto ogni tre mesi.

Professionisti
Società

Notizie correlate