ESG: maggiore è la presenza di donne, migliore è la performance sul mercato azionario


La discriminazione di genere nel campo dell'occupazione rimane uno dei grandi flagelli della società. Essa influisce sulle posizioni ricoperte dalle donne nella gerarchia delle aziende e anche sulla retribuzione, dove ci sono differenze di salario anche in posizioni che prevedono le stesse responsabilità. La consapevolezza della necessità della parità tra uomini e donne tende ad aumentare, cosa che viene accentuata dalla crescente importanza che gli investitori (soprattutto quelli istituzionali) stanno dando a tutto ciò che riguarda la buona governance aziendale.

Ora, la cosa interessante è che non è più solo una questione di giustizia, ma ha anche di impatti sulla redditività delle aziende in borsa. "Avere un maggior numero di donne in posizioni dirigenziali o nel consiglio di amministrazione è associato a una maggiore redditività aziendale rispetto al loro settore". Questa è la conclusione cui è giunto il team GS Sustain di Goldman Sachs Asset Management dopo aver analizzato i comportamenti registrati dalle aziende nell'arco di un decennio (2008-2019).

"In generale, il fatto di impiegare più donne è legato a migliori risultati aziendali sul mercato", spiegano Sharon Bell, Guillaume Jaisson, Peter Oppenheimer e Lilia Peytavin, autori del report. 

Forse la parte più rilevante dello studio, che hanno pubblicato con il titolo Womenomics, è che maggiore è la presenza delle donne nelle posizioni di vertice, più elevato è il divario che separa le aziende nel quartile superiore (quelle in cui la presenza delle donne nei consigli di amministrazione è maggiore) dal quelle del quartile inferiore (dove è più bassa). "Indipendentemente dai periodi di tempo che prendiamo in considerazione, maggiore è la rappresentanza delle donne ai livelli più alti dell'azienda, maggiore è il miglioramento delle prestazioni dell'azienda, grazie alla presenza di una percentuale maggiore di donne nel consiglio di amministrazione", sottolineano.
 

9cc0022cc52b574b

Le autrici dello studio rivelano di non aver trovato una relazione diretta tra una maggiore presenza femminile e un maggiore ROE dell'azienda. Inoltre, sebbene il risultato (più donne = migliori prestazioni) sia abbastanza robusto per i diversi periodi di tempo analizzati, non funziona in tutti i settori, come quello tecnologico. Infine, riconoscono che la performance superiore dei prezzi delle azioni in cui le donne sono più presenti può essere il risultato dei flussi nei fondi ESG per la misurazione della diversità. "È molto difficile da identificare e separare", dicono.

Detto questo, lo studio evidenzia che ci sono ottime ragioni per migliorare la diversità di genere, anche se le misure di aumento dei rendimenti del mercato azionario non sono convincenti. "L'attenzione dell'investitore e del settore dei fondi è sempre più focalizzata sui fattori ESG, il che significa che non migliorare la diversità di genere potrebbe essere dannoso, aggiungendo un premio di rischio al prezzo dell'azione o inducendo direttamente l'investitore a non investire in essa. Inoltre, vi è un rischio di coda generale e di pubblicità negativa che potrebbe derivare dal fatto di non avere una forza lavoro diversificata". 

Infine, c'è anche il desiderio e il dovere morale, indipendentemente dal beneficio economico, di garantire pari opportunità per tutti. "Tutto questo può sembrare un motivo debole di fronte all'alta redditività o al miglioramento della performance delle azioni della società sul mercato azionario, ma la questione può essere ribaltata: un maggior numero di donne a tutti i livelli della società non diminuisce la performance e può benissimo aumentarla. Quindi prendere una posizione morale ed etica su questo tema non viene ad alcun costo", concludono.

396464615de12405

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente