EFAMA e ICI promuovono la due diligence con un questionario


Efama ha pubblicato un questionario progettato per aiutare i gestori nella definizione delle procedure di due diligence richieste nell’interazione con i canali di distribuzione. Il documento, chiamato Distributors’ Due Diligence Questionnaire (DDQ) è scaricabile qui. Il DDQ si pone come lo standard per i fondi di investimento Ucits e alternativi (Fia) per orientare il processo di stipulazione delle intese con i distributori (onbarding) e per il controllo continuo e periodico dei rapporti in essere (oversight).

Scopo del questionario è di far risparmiare tempo a case prodotto e distributori, rimuovendo ostacoli e spese attraverso la semplificazione dei processi. La portata non è limitata ai soli gestori europei, ma anche a quelli statunitensi e asiatici.

“L’industria dei fondi è chiamata ad affrontare notevoli sfide in termini di supervisione dei sistemi di interazione con gli intermediari, soprattutto alla luce dei requisiti introdotti da MiFID II, del mutamento del panorama normativo e dell’assenza di uno standard condiviso a livello europeo del rapporto tra gestori e canali di distribuzione”, scrive Efama in una nota di presentazione al questionario.

Il questionario, alla cui stesura ha contribuito Assogestioni, è articolato in una serie di sezioni che coprono sia aspetti di tassonomia (Business Model and Operations; Distribution, Suitability, and Marketing) sia aspetti tecnici (Oversight of Sub-Distribution; Legal and Regulatory Oversight; Risk Management and Controls). Sarà aggiornato su base annuale per riflettere eventuali cambiamenti nel mercato o nel quadro normativo. Il contesto. Il DDQ è il risultato operativo della costituzione nel 2019 del “Gruppo di lavoro per la supervisione dei distributori di fondi” da parte dell’Investment Company Institute (la principale associazione globale di fondi regolamentati, basata a Washington DC). Tra i principali operatori nel gruppo di lavoro figura anche Assogestioni, attiva a nome del mercato italiano per conto delle Sgr internazionali e domestiche.

Il gruppo è aperto a tutti i gestori e distributori di fondi. A Efama è stato chiesto di aderire all’iniziativa alla fine del 2019 e numerosi membri dell’associazione europea dei gestori hanno fornito il loro contributo. A seguito di una serie di teleconferenze e di una riunione in presenza a inizio anno, il questionario è stato finalizzato il 1° giugno. Efama precisa che il questionario è utilizzabile su base volontaria. Inoltre il DDQ “non copre i requisiti in merito al contrasto del riciclaggio di denaro o alla compliance a cui i distributori sono tenuti in termini di conoscenza del cliente conoscere la conformità del distributore da parte del cliente (Know your customer - Kyc)”.

Nel dare ulteriore seguito alle attività del gruppo di lavoro che è giunto alla definizione del questionario, Assogestioni è attualmente impegnata anche nella finalizzazione di un Questionario nazionale, costruito per raccogliere informazioni sull’incarico di distribuzione di Oicr in Italia.

Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente