Tags: Business |

Ecco gli strumenti usati dal settore del risparmio gestito per proteggersi dalle fake news


Immaginate che un giornalista di un impotante giornale o rivista riceva un comunicato stampa da parte dell'ufficio di comunicazione di una società quotata in borsa. Il documento sembra essere reale e il mittente è la persona con cui il giornalista di solito è in contatto. Anche il formato sembra coincidere (stessa struttura, tipografia e stile di testo...). Consideriamo che nel documento venga affrontato un argomento di una certa rilevanza, come il fatto che la società stia revisionando le relazioni sugli utili degli ultimi due anni e che abbia intenzione di licenziare il suo direttore finanziario. I canali attraverso i quali riceve le informazioni sembrano corretti e nulla può destare alcun sospetto, allora il giornalista elabora l'articolo con le informazioni raccolte nel comunicato stampa e lo pubblica nel suo famoso portale.

Ora immaginate che la pubblicazione di questo articolo causi la caduta delle azioni della società e che l'informazione, in realtà, fosse falsa. Mettiamo che l'account e-mail dell'azienda sia stato violato e la società non abbia mai inviato quella dichiarazione. Si sia trattato quindi di un furto di identità.

Questa non è fantascienza, è ciò che è successo a Vinci nel 2016. La società di costruzioni francese fu il bersaglio di un attacco informatico che causò un crollo intraday del 18% in borsa il 22 novembre 2016. Quando l'azienda negò, il valore delle azioni iniziò a recuperare, ma la seduta di borsa si chiuse comunque in negativo per un 4%, che tradotto in euro, erano 1 miliardo di euro in meno in capitalizzazione. Questo non è un caso isolato. È successo anche ad altre società, comprese alcune di gestione del risparmio.

Nel gennaio dello stesso anno, BlackRock, il più grande asset manager del mondo, ha subito un attacco simile negli Stati Uniti. La lettera annuale che il suo presidente, Larry Fink, è solito pubblicare era stata violata. In questo caso, tuttavia, l'entità reagì rapidamente e il prezzo delle azioni non ne fu influenzato. Il canale più comune utilizzato dagli hacker per inviare informazioni false al mercato è attraverso comunicati stampa (73,3%). Per il settore dell'asset management questi attacchi informatici possono avere diverse ripercussioni: possono influenzare l’azienda, gli azionisti e anche alterare i processi di investimento, spingendo alcuni gestori a compiere operazioni basate su informazioni false. Alcuni hanno già individuato i pericoli che ne possono derivare e stanno ricorrendo a nuovi strumenti tecnologici per ridurre il rischio di attacchi di questo tipo. E lo stanno facendo attraverso Blockchain.

Gli asset manager francesi sono particolarmente attivi nella gestione di questo database decentralizzato che memorizza le informazioni crittografate e che consente di replicare in tempo reale i dati memorizzati in una catena a blocchi. Amundi, Natixis IM o La Francaise AM sono alcune delle entità che stanno già utilizzando Blockchain per certificare i contenuti. "La falsificazione di un'e-mail è relativamente semplice, ma fare la stessa cosa attraverso la Blockchain, no. Questo sistema consente all'azienda di certificare le informazioni per inviarle successivamente attraverso i soliti canali (e-mail, social network...), e il destinatario, in questo caso il giornalista, può verificare attraverso la piattaforma che cosa riceve e se quello è un documento corretto. Per entrambi le parti la procedura diventa sicura", spiega Joshua Navarrete, responsabile per l'espansione internazionale di Wiztopic, una SaaS (Software as a Service) specializzata nell'ottimizzazione della gestione e la diffusione delle comunicazioni aziendali del settore finanziario attraverso una piattaforma basata sulla tecnologia Blockchain. Questa permette alle aziende di certificare i contenuti che vengono distribuiti ai giornalisti, agli analisti e agli investitori, e consente di verificare l'autenticità delle informazioni in modo semplice e veloce.

"È una piattaforma progettata per chi lavora quotidianamente con le informazioni, il cui obiettivo è migliorare la gestione e la distribuzione dei contenuti multicanale. Oltre a certificarne il contenuto, consente all'azienda di misurare istantaneamente la portata delle sue comunicazioni, il numero di interazioni che ha generato, segmentando in modo molto preciso ciò che si desidera trovare grazie alla sua connessione con il servizio di monitoraggio, dove gli articoli multimediali offline e online possono essere correlati all'attività che li ha attivati ​​e trovarli rapidamente, senza dover attendere il clipping che può richiedere diverse ore. Lo strumento non può impedire la creazione di notizie false, quello che può fare è di identificarle. Il che riduce il rischio di hacking aziendale. È come avere una torre di controllo per informazioni", spiega Navarrete.

La risposta del settore del risparmio gestito

Negli ultimi due anni, diverse entità del settore dell’asset management hanno adottato strategie chiare orientate alla protezione delle informazioni. Nel mese di ottobre 2017, la banca depositaria BNP Paribas Securities Services ha annunciato una partnership con Tata Consultancy Services (TCS) per fornire una piattaforma sicura Corporate Event Collegare basata sulla tecnologia Blockchain per fornire informazioni sugli eventi aziendali ai suoi clienti di tutto il mondo in maniera veloce e precisa. L'obiettivo è quello di acquisire e archiviare le informazioni sugli eventi aziendali in un formato strutturato, per garantire l'affidabilità dei dati e una rapida diffusione ai propri clienti.

Nel mondo della gestione patrimoniale, alcune entità hanno iniziato a fare affidamento sulla Blockchain per effettuare operazioni con fondi di investimento. Ad esempio, Ostrum AM, del Gruppo Natixis IM, ha eseguito la compravendita di fondi commercializzati dalla stessa utilizzando la Blockchain, inoltre attraverso la piattaforma di distribuzione FundsDLT ha anche annunciato la sua intenzione di incorporare l'uso di questa tecnologia per le sue diverse linee di business, al fine di migliorare i meccanismi di distribuzione del settore dell'asset management.

BNP Paribas AM, da parte sua, ha completato con successo la transazione di un fondo attraverso Blockchain, un'operazione che ha coperto ogni parte del processo di vendita di un prodotto, dall'invio dell'ordine fino all'elaborazione dello stesso. Questa operazione ha trasformato l’asset manager in uno dei pionieri nell'integrazione di questa tecnologia all’interno delle piattaforme principali. Queste sono solo alcune delle nuove possibilità che i manager stanno valutando da quando è apparsa la Blockchain.

Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente