Ecco come la sanità e la farmaceutica stanno combattendo la guerra al Covid-19


Contributo a cura di Laurie Don, fund manager di Liontrust AM. Contenuto sponsorizzato.

Mentre il Coronavirus (Covid-19) continua a diffondersi in tutto il mondo, è sempre più chiaro che tutti noi abbiamo un ruolo chiave nella lotta contro questa malattia, sia che si tratti semplicemente di stare a casa e lavarsi le mani o degli enormi sforzi dei lavoratori in prima linea. Anche le aziende sanitarie e farmaceutiche hanno un ruolo fondamentale da svolgere e, a riprova di ciò, il settore è stato tra quelli che hanno retto meglio nel sell-off indiscriminato delle ultime settimane.

Dal punto di vista degli investimenti, la maggior parte dell'attenzione intorno al Coronavirus si è comprensibilmente concentrata sul quadro macroeconomico più ampio, dato che la volatilità del mercato continua e le banche centrali adottano misure di emergenza. Ma la sanità è al centro di due dei nostri temi: abilitare l'innovazione nel settore sanitario e fornire assistenza sanitaria a prezzi accessibili a livello globale. Stiamo anche analizzando cosa significa la situazione per le aziende di questi settori e come la pandemia possa influenzare la traiettoria futura dell'industria sanitaria e farmaceutica.

Gran parte del nostro lavoro nel team di investimento sostenibile sta analizzando come le aziende stanno dando un contributo positivo alla società, quindi, almeno per il breve termine, stiamo analizzando come queste aziende stanno affrontando la sfida Covid-19. Se ci concentriamo su diversi stadi della lotta contro la malattia, per prima cosa affrontarla richiede la necessità di fornire dispositivi di protezione per il personale medico. Thermo Fisher Scientific, per esempio, è una partecipazione chiave a lungo termine in tutti i nostri portafogli e occupa una posizione di leader di mercato nell’ambito della protezione personale, aiutando i professionisti sanitari a evitare di contrarre il virus.

La successiva è l'identificazione della malattia, che si esplica con tre partecipazioni nei nostri fondi, Roche, PerkinElmer e Thermo Fisher, ancora una volta, hanno già test diagnostici specifici approvati dalla FDA negli Stati Uniti. Passando a un panel di test diagnostici, che mostrano ciò che si ha quando si è sani e quindi non si è stati affetti da Coronavirus, l'azienda olandese Qiagen è leader in questo settore e l'acquisizione della società da parte di Thermo Fisher è stata annunciata a marzo.

Trovare un modo per prevenire la diffusione del Coronavirus sta ovviamente attirando grande attenzione in questo momento, con tanti di noi chiusi in casa. Nel tradizionale spazio dei vaccini, abbiamo l'esposizione ad alcuni dei principali attori come GlaxoSmithKline e CSL, che stanno entrambi fornendo la loro esperienza e tecnologia ad aziende e accademici.

Guardando a ciò che un'azienda come GSK sta facendo per combattere il Coronavirus, vediamo il suo lavoro nella tecnologia dei coadiuvanti come chiave. Se aggiunta a un vaccino, può aiutare il sistema immunitario dei pazienti a generare una maggiore risposta, creando più anticorpi e un'immunità più duratura e riducendo al minimo la dose di antigene necessaria. Glaxo sta condividendo il suo lavoro in questo campo con diverse aziende che cercano di creare un vaccino e l'azienda sanitaria australiana CSL sta facendo cose simili con la propria tecnologia adiuvante, in collaborazione con la ricerca universitaria locale.

Semplicemente, il modo tradizionale in cui funzionano i vaccini è quello di iniettare una versione morta del virus in una persona in modo che il suo sistema immunitario sia innescato e sappia cosa cercare quando il vero virus lo colpisce in seguito. Rispetto ai vaccini mRNA, si introduce il codice genetico per creare le proteine o i passaggi necessari per aiutare a respingere il virus quando arriva. Naturalmente, dobbiamo accettare che l'ultima fase della lotta è quella di affrontare il virus quando la gente ne è in possesso, e dati i tempi dei vaccini, le nostre migliori speranze di sollievo a breve termine sono i farmaci già in commercio.

Le opzioni in questo spazio rientrano tipicamente in due categorie, immunosupressivi e antivirali. La prima comprende prodotti come l'Actemra di Roche e il Kevzara di Sanofi/Regeneron, entrambe terapie anticorpali approvate per le malattie infiammatorie. Gli antivirali hanno fatto notizia, con l'azienda statunitense Gilead's Ebola, il farmaco Remdesivir di Gilead, che si appresta a terminare la sua prima sperimentazione Covid-19 in aprile. Gilead non è nei nostri portafogli e nemmeno Abbvie, il cui farmaco contro l'HIV Kaletra è stato considerato un'altra possibilità.

La sanità e il settore farmaceutico possono spesso essere settori moralmente difficili per gli investitori e non vorremmo certo concentrarci sul "profitto" della lotta contro una malattia che è già costata così tanto al mondo. Ma, come continuiamo a sottolineare, le persone devono essere abbastanza sane da poter godere dei frutti di un mondo più sostenibile e questo probabilmente richiederà una grande intraprendenza da parte di queste e di molte altre aziende, dato che il mondo cerca di evitare simili debilitanti epidemie in futuro. Per ora, esortiamo tutti a mantenere la sicurezza, a continuare a lavarsi le mani e a rimanere a casa.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente