Tags: ETF | SRI |

È il momento di investire in soluzioni con un impatto positivo sul clima


Contributo a cura di Vincenzo Sagone, head of ETF, Indexing & Smart Beta business unit, Amundi SGR. Contenuto sponsorizzato.

Grazie ai nuovi indici di riferimento dell’Unione Europea tutti potranno investire nel cambiamento climatico in modo economicamente vantaggioso.

Il potere nelle mani degli investitori su indici

A seguito dell’accordo di Parigi del 2015, quando il mondo si è riunito per concordare di limitare in questo secolo l’aumento della temperatura globale entro 2° C al di sopra dei livelli preindustriali, gli investitori si sono impegnati nella ricerca di soluzioni di investimento con un impatto positivo sul clima. Per molti investitori, le strategie attive negli investimenti climatici non erano convenienti né adeguate, e la prima generazione di indici low carbon non era sufficiente. Con l’introduzione delle nuove certificazioni degli indici sul clima a livello dell’Unione Europea, gli investitori hanno a disposizione nuovi modi per fare la differenza.

A conferma dell’importanza del ruolo della finanza, e in particolare delle gestioni indicizzate, nella transizione verso un’economia low carbon, un gruppo di esperti del settore degli investimenti, accademici e professionisti in ambito di sostenibilità ha sviluppato le certificazioni degli indici, fornendo agli investitori linee guida chiare e trasparenti per l’investimento sostenibile. 

Un approccio duplice

L’impatto degli investimenti a low carbon aumenterà con la loro diffusione. L’iniziativa dell’Unione Europea consente infatti l’adozione su vasta scala di tali strategie da parte di investitori su indici e, applicando due livelli di riduzione delle emissioni di anidride carbonica, fa chiarezza e agevola il processo di transizione:

Captura_de_pantalla_2020-07-07_a_las_14

Fonte: Amundi SGR. 

* dalle quali derivano ricavi superiori alle percentuali indicate

Grazie a un grado di diversificazione elevato e a un tracking error contenuto rispetto all’indice principale, i nuovi indici sul cambiamento climatico possono sostituire la tradizionale esposizione geografica in portafoglio, producendo nel contempo un maggiore impatto.

Metodologie degli indici esaustive

Le soluzioni sul clima di Amundi ETF si avvalgono degli indici MSCI World Climate Change[1] e iStoxx Climate Ambition PAB. Entrambi eseguono uno screening positivo e negativo, applicano metodologie di riponderazione e classificazione allo scopo di centrare gli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica.  Si basano inoltre sui dati storici relativi alle emissioni di gas serra (Scope 1, 2 e 3) per investire esplicitamente in società impegnate attivamente sul fronte del cambiamento climatico. L’analisi dei dati storici viene integrata da un approccio orientato al futuro che prende in considerazione la strategia aziendale e i rischi della transizione correlati alle emissioni di anidride carbonica.

Captura_de_pantalla_2020-07-07_a_las_14

Investimenti sul cambiamento climatico e investimenti tradizionali low carbon a confronto

Lo stile di investimento low carbon non è una novità assoluta. Amundi, per esempio, nel 2014 ha partecipato allo sviluppo della serie di indici MSCI Low Carbon Leaders con FRR e AP4. Tuttavia, la nuova generazione di indici sul cambiamento climatico, anche grazie al contesto normativo in cui sono state sviluppate le certificazioni CTB e PAB[2], offre un approccio più completo per gli investimenti ad impatto positivo. I nuovi indici correggono alcune carenze dei loro predecessori:

  • Includono gli impegni futuri delle società per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra
  • Prendono in considerazione tutte le tipologie di emissioni di gas serra, ovvero Scope 1 (emissioni dirette), Scope 2 (elettricità acquistata) e Scope 3 (tutte le altre emissioni indirette), mentre gli indici low carbon tradizionali consideravano solamente le emissioni Scope 1 e 2.

Avvalendosi dei nuovi indici sul cambiamento climatico con la certificazione CTB o PAB, gli investitori possono essere certi che la misurazione della carbon intensity avvenga in modo più completo e che la gestione dell’indice adotti un approccio più proattivo e orientato al futuro.

Replicare indici sul cambiamento climatico con Amundi ETF

Questa nuova generazione di indici sul cambiamento climatico può essere utilizzata in portafoglio attraverso diversi strumenti. L’offerta di Amundi nel campo del cambiamento climatico spazia da soluzioni standardizzate a soluzioni personalizzate. In qualità di più grande asset manager in Europa[3], nonché pioniere nel campo degli investimenti responsabili, da molti anni Amundi gestisce strategie indicizzate che integrano un’ampia gamma di criteri ESG.

Per saperne di più visita il sito clicca qui o scrivi a info@amundietf.com

Messaggio pubblicitario.

Amundi ETF (di seguito anche “Amundi”) rappresenta l’attività in ETF di Amundi Asset Management (SAS), Società di gestione autorizzata dall'Autorité des Marchés Financiers ("AMF") con il n° GP 04000036 - Sede sociale: 90 boulevard Pasteur 75015 Paris, France – 437 574 452 RCS Paris ed avente capitale sociale di EUR 1 086 262 605.

Il presente documento è stato predisposto da Amundi. Le informazioni contenute non rappresentano in nessun caso un’offerta di acquisto o di vendita di prodotti finanziari, una raccomandazione avente ad oggetto strumenti finanziari o emittenti di strumenti finanziarie e non sono da intendere come ricerca in materia di investimenti o come analisi finanziaria, dal momento che, oltre a non avere i contenuti, non rispetta i requisiti di indipendenza imposti per la ricerca finanziaria e non è sottoposta ad alcun divieto in ordine alla effettuazione di negoziazione prima della diffusione. Le informazioni contenute sono ritenute accurate alla data della sua redazione. Le opinioni espresse riflettono il giudizio di Amundi al momento della redazione e possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Si declina qualsiasi responsabilità in caso di qualsivoglia perdita, diretta o indiretta, derivante dall’affidamento alle opinioni o dall’uso delle informazioni ivi contenute. Eventuali dati riferiti a performance passate non sono un indicatore attendibile di performance attuali o future. Amundi non conferma, assicura o garantisce l'idoneità a qualsiasi scopo di investimento delle informazioni ivi contenute, le quali non devono essere utilizzate come unica base per le decisioni d'investimento. Tali informazioni non intendono sostituire in alcun modo le autonome e personali valutazioni che il destinatario è tenuto a svolgere prima della conclusione di una qualsiasi operazione attinente a strumenti e prodotti 

finanziari. Prima di qualunque investimento, prendere attenta visione della documentazione relativa allo strumento finanziario oggetto dell'operazione, la cui sussistenza è disposta dalla applicabile normativa di legge e regolamentare tempo per tempo vigente.

Il presente documento non è diretto alle “US Person” così come definite nel U.S. «Regulation S» della Securities and Exchange Commission. Il presente documento non può essere riprodotto, distribuito a terzi o pubblicato, in tutto o in parte, senza la preventiva autorizzazione scritta di Amundi.

 
 

[1] Amundi è fiduciosa che tale indice rispetterà le linee guida CTB, oggetto di un’accurata revisione da parte di MSCI

[2] In attesa della pubblicazione del rapporto finale. 

[3] Fonte: IPE “Top 500 Asset Managers” pubblicato a giugno 2020, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2019

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente