Diversificazione: il mantra di M&G per affrontare ultimo trimestre e 2020


Aumento delle tensioni geopolitiche e timori di recessione globale. Due elementi caratterizzanti il sentiment con cui i mercati affrontano l’ultimo trimestre del 2019. Preoccupazioni da non sottovalutare secondo M&G che ha scelto il tema della diversificazione per il consueto appuntamento di settembre dedicato a consulenti e investitori professionali in cui sono approfonditi contesto e soluzioni di investimento. Nella tappa di Milano del roadshow della casa di gestione britannica, Alex Araujo ha presentato il peculiare approccio al tema delle infrastrutture adottato dal fondo M&G (Lux) Global listed infrastructure fund di cui è portfolio manager. “Andare oltre il concetto di infrastrutture economiche”, ha spiegato Araujo, “significa accedere a nuove possibilità di diversificazione”. Tre le idee di investimento portate avanti dal team di gestione per cogliere la crescita di lungo termine rintracciabile nel comparto. La prima, che ha un peso in portafoglio compreso tra il 65% e il 75%, fa riferimento a quelle infrastrutture considerate critiche il cui utilizzo è legato alla vita di ogni giorno: utilities, energia e trasporti nello specifico. A seguire, con un peso del 15%-25%, le infrastrutture definite “evolutive”, connesse cioè al cambio di modelli di business e interazione: comunicazione, connettività e royalties. Infine, per una quota tra il 10% e il 20% le infrastrutture sociali, riferibili a salute, istruzione e amministrazione pubblica. 

L’integrazione dei criteri ESG, ultimo tema toccato da Araujo nel corso della sua esposizione, è stata inoltre il tema specifico dell’intervento di Maria Municchi, gestore del M&G (Lux) sustainable allocation fund, con particolare attenzione al potenziale di diversificazione e controllo del rischio dato da processi di investimento che mettono al centro il tema della sostenibilità

La terza variazione sul tema proposta da M&G richiama un principio tradizionale di diversificazione: l’esposizione a differenti sistemi economici. Carlo Putti, investment director del team fixed income dell’asset manager, ha chiarito la view sui mercati emergenti alla base del fondo M&G (Lux) Emerging markets income opportunities.

"Nell'attuale contesto di mercato”, ha commentato nel corso dell’evento Andrea Orsi, country head of Italy & Greece di M&G Investments, “la diversificazione è fondamentale per i portafogli, in termini di fonti di income, asset class, geografia e approccio ESG”. “La nostra mission è quella di fornire ai nostri partner soluzioni d'investimento innovative, volte a ridurre il rischio e la volatilità in portafoglio, senza necessariamente rinunciare ai ritorni”, ha aggiunto. “In questo modo”, ha concluso, “è possibile costruire portafogli ben diversificati che permettono, durante le fasi di volatilità dei mercati, non solo di proteggersi, ma anche di provare a sfruttare le opportunità che si aprono a favore dell’investitore finale”.

Professionisti

Notizie correlate