Tags: Fondi Azionari |

Distanza tra mercato azionario e economia reale: una tendenza temporanea o la nuova normalità?


Venerdì 8 maggio è stato pubblicato negli Stati Uniti il peggior dato sul mercato del lavoro dai tempi della Grande Depressione, che ha certificato un tasso di disoccupazione al 14,7%. Tuttavia, il comportamento registrato a Wall Street quello stesso giorno è stato l'ennesima dimostrazione che la connessione tra la situazione economica e i mercati azionari è sempre più fragile e che la correlazione che entrambi avevano in passato non è più valida in un mondo in cui l'evoluzione delle economie non dipende più solo dalle componenti interne di un singolo Paese ma da fattori esogeni, con le iniezioni di liquidità provenienti dalle Banche centrali e le politiche fiscali espansive tra i protagonisti principali.

Il Fondo monetario internazionale ha messo in guardia su questo punto nel suo rapporto sulla stabilità finanziaria globale, dove afferma che "secondo i modelli, la differenza tra i prezzi delle attività e le valutazioni basate sui fondamentali è vicina ai massimi storici nei mercati obbligazionari e azionari dei Paesi più avanzati". 

"Un modo per inquadrare il dilemma che gli investitori si trovano ad affrontare è quello di chiedersi come comportarsi di fronte all'apparente scollamento tra finanza e l'economia reale, e se la ricetta dell'ultimo decennio ("seguire le Banche centrali") possa continuare a funzionare anche dal punto di vista della strategia e della performance", dice Paras Anand, head of Asset Management Asia-Pacific di Fidelity International.

"I mercati reagiscono alla mancanza di visibilità a medio termine accorciando i loro orizzonti di investimento, il che spiega l'enfasi posta sulla ripresa immediata e sul ritorno dei titoli ciclici, ma anche la debolezza dei mercati", afferma Didier Saint-George, managing director e membro del Comitato Investimenti di Carmignac.

Secondo Olivier de Berranger, CIO di La Financière de l'Echiquier, uno dei motivi del rally borsistico è che quando i titoli value scendono oltre un certo limite minimo, rimbalzano sistematicamente. "In effetti, non è rimasto nessuno per venderli. Hanno solo potenziali acquirenti, che possono essere principalmente di tre tipi: o investitori che devono modificare le loro posizioni di vendita per ridurre il rischio o pagare i rimborsi; o investitori a lunghissimo termine (fondi pensione, fondi sovrani, ecc.); o investitori a brevissimo termine, come trader o hedge fund", afferma.

Questo in termini di valutazioni, ma c'è un altro effetto che ha influenzato lo scollamento tra mercati azionari e economia reale e cioè che i mercati stanno cercando sempre di più di giocare d'anticipo. Il grande dubbio è se questa decorrelazione continuerà o se si tratti di un fenomeno destinato a ridursi. "Ora sembrano esistere diverse opzioni. Ciò che determinerà l'andamento delle azioni nella seconda metà di quest'anno è questa domanda chiave: il mercato sta anticipando in modo eccessivo, o i prezzi delle azioni stanno prevedendo correttamente quello che potrebbe finire per essere una ripresa dell'attività economica più rapida del previsto?", riflette Mobeen Tahir, direttore dell'analisi di WisdomTree, ricordando al contempo che la disconnessione non è mai stata così pronunciata come ora.

WisdomTree

Fonte: WisdomTree

Inoltre, va tenuto presente che sempre più esperti si stanno interrogando su come verrà ripagato tutto il debito in eccesso causato dalle misure fiscali e monetarie straordinarie che sono state messe sul tavolo, soprattutto se la ripresa economica post Covid-19 sarà più lenta del previsto. "Dobbiamo tenere presente che le misure fiscali aumenteranno il debito pubblico, il che si tradurrà probabilmente in un aumento delle aliquote d'imposta sulle società e in una maggiore regolamentazione. Questo non è un bene per l'economia reale, ma non sembra che i mercati finanziari lo stiano scontando", afferma Anand.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente