Debito subordinato: come convivere col Covid-19


Contenuto a cura di Paul Gurzal, head of Credit, La Française AM. Contenuto sponsorizzato.

A differenza di quanto successe nella crisi finanziaria del 2007-2008, le banche non hanno “colpe” per il Covid-19! Al contrario, esse svolgono un ruolo cruciale: quello di continuare a prestare denaro, per finanziare l’economia reale. E per contrastare lo choc economico e finanziario senza precedenti a cui stiamo assistendo, i legislatori e i regolatori europei hanno concesso agli istituti di credito misure di supporto mai viste prima. Misure che sono favorevoli a chi investe nel debito subordinato. L’epoca delle regole punitive è ormai passata e quello bancario è uno dei settori che dovrebbe ricevere in via prioritaria un robusto supporto.

Il debito bancario subordinato AT1 ha fatto registrare una ripresa significativa delle performance nel corso del terzo trimestre del 2020 grazie a tassi sui debiti sovrani dei Paesi periferici in via di stabilizzazione. I risultati rassicuranti pubblicati nel secondo trimestre e la ripresa di fusioni e acquisizioni (ad esempio quelle fra UBI Banca e Intesa San Paolo e fra Bankia e CaixaBank) dovrebbe consolidare ulteriormente il settore. In alternativa, il debito subordinato ibrido di aziende non finanziarie ha ottenuto performance meno brillanti a causa di valutazioni più costose e delle incertezze che circondano la forza della ripresa economica dell’Europa. Ciononostante e a dispetto del persistere dei timori macro-economici e politici ( pandemia, Brexit, un esito travolgente delle elezioni USA), riteniamo che il sostegno incrollabile delle banche centrali attraverso misure di supporto quantitativo molto robuste protegga ampiamente il mercato del debito subordinato europeo. Permane il rischio della volatilità, ma l’effetto carry, in un contesto di tassi di interesse molto bassi, offre un ottimo trampolino di lancio per la ripresa.

Il segmento dei Coco, rispetto al segmento dell’high yield europeo, è a nostro parere ben posizionato e offre un buon potenziale di rendimento. Se osserviamo gli indici Bloomberg Barclays al 22 settembre, i Coco denominati in euro hanno un rendimento medio del 6,1% contro il rendimento medio del 4,7% dell’high yield europeo. Riteniamo che questo gap di valutazioni non rifletta le differenze di fondamentali fra questi due segmenti. Il debito bancario subordinato beneficia di un supporto del regolatore forte e senza precedenti, mentre parte del mercato high yield continua a soffrire a causa dei timori su un aumento dei tassi di default, soprattutto per quanto riguarda i settori ciclici.

A dispetto dei buoni fondamentali e dei fattori tecnici di supporto, il debito subordinato purtroppo non è immune dai rischi macroeconomici e dalla volatilità del mercato. Fino a che la crisi sanitaria non tornerà sotto controllo, il ritorno alla “normalità” potrà essere solo graduale e i mercati dovranno sopportare alcuni scossoni durante il percorso.

Disclaimer

La strategia di investimento in debito subordinato & CoCo è adatta a investitori professionali secondo la definizione che segue. I servizi di sola esecuzione possono essere forniti ai soli investitori professionali. Gli investitori retail sono esclusi dal target market positivo.

Gli investitori professionali hanno le seguenti caratteristiche:

  • Buona conoscenza dei principali prodotti finanziari e delle transazioni
  • Esperienza nell’industria finanziaria

La strategia di investimento in debito subordinato & CoCo non è adatta agli investitori retail a meno che essi non dispongano di consulenza di investimento professionale E che l’investimento non sia esclusivamente a fini di diversificazione, o che non abbiano sottoscritto un mandato di portafoglio discrezionale.

QUESTO DOCUMENTO È RIVOLTO AI SOLI INVESTITORI PROFESSIONALI AI SENSI DELLA MIFID II.

Esso è fornito a solo scopo informativo ed educativo e non va inteso come previsione, prodotto di ricerca o consiglio di investimento, né deve essere interpretato come tale. Esso non può costituire un consiglio di investimento o un’offerta, un invito o una raccomandazione ad investire in particolari investimenti o ad adottare qualsiasi strategia di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi delle performance future. Le opinioni espresse dal Gruppo La Française sono basate sulle attuali condizioni di mercato e sono soggette a modifiche senza preavviso. Queste opinioni potrebbero differire da quelle di altri professionisti del mondo dell’investimento.

Pubblicato da La Française AM Finance Services, 128 boulevard Raspail, 75006 Parigi, Francia, società regolamentata dall’ Autorité de Contrôle Prudentiel come fornitore di servizi di investimento nº 18673 X, sussidiaria di La Française. La Française Asset Management è una società di gestione approvata dall’ AMF al numero GP97076 il 1 luglio 1997.

Professionisti
Società

Notizie correlate

I più letti