Covered bond, un’asset class da non trascurare


Con la crescente pressione delle Banche centrali sul mercato del credito, è necessario muoversi in maniera molto cauta. Quando la liquidità viene ridotta, i differenziali fra i prezzi bid e ask tendono ad ampliarsi e diventa più difficile lasciare posizioni in caso di picchi di volatilità”, spiega Mohammed Kazmi, portfolio manager, macro strategist di Union Bancaire Privée. “Questo pericoloso circolo vizioso tra liquidità e volatilità può avere gravi conseguenze per le dinamiche di mercato”.

Diventa quindi fondamentale quando si guarda a un obbligazione capire il suo grado di liquidabilità. Nell'ultimo trimestre si sono intensificate le pressioni su quei settori del mercato obbligazionario che hanno beneficiato maggiormente dell'allentamento quantitativo e della "ricerca del rendimento", e che sono considerati maggiormente esposti ai deflussi con il cambio di sentiment. “Questo si è manifestato nella fuga dai bond emergenti e da quelli dell’Eurozona, in particolare quelli italiani, che hanno visto lo spread con i Bund tedeschi allargarsi fino a raggiungere il livello più alto dal 2013”, fa notare Kazmi.

Antonio Cesarano, chief global strategist di Intermonte SIM, ribadisce che “negli ultimi giorni il mercato è arrivato a quotare l’Italia già alla stregua di non investment grade, alla luce del livello raggiunto sia dal Btp a 2 anni sia dal CDS a 5 anni, che al momento quota ad esempio molto vicino a quello del Sudafrica, Paese con rating junk bond”.Captura_de_pantalla_2018-09-05_a_las_19

 

Fonte: Intermonte SIM, Bloomberg.

Il mercato europeo delle obbligazioni garantite è una classe d’investimento ampia e liquida che molti investitori spesso trascurano. Essa presenta i più alti standard di sicurezza, una caratteristica importante per ogni investitore avverso al rischio. Secondo Nordea Asset Management, “quest'asset class offre un interessante potenziale per la generazione di alfa. La maggior parte degli investitori ritiene che le obbligazioni garantite siano noiose e adatte ad un’allocazione passiva: trattasi di un enorme errore. Il mercato europeo dei covered bond è inefficiente in molti modi e un gestore attivo ed esperto può sfruttare queste opportunità", fanno sapere dall'asset manager.

Professionisti
Società

Notizie correlate