Tags: Business |

Costa (Ersel): “La vivacità del mercato M&A favorirà i rendimenti delle strategie event driven”


Nel primo trimestre 2018 il volume di operazioni di fusioni e acquisizioni a livello globale ha raggiunto valori record (che non si vedevano dal 2001), arrivando a quota 890 miliardi di dollari. Secondo Riccardo Costa, fund manager di Ersel AM, “quest’elemento costituisce un fattore estremamente importante e di supporto per le prospettive delle strategie event driven” (la società ha lanciato a ottobre del 2016 il fondo Leadersel Event Driven, di cui Costa è co-gestore assieme a Giorgio Nicola e Alessandro Moretti).

L’esperto si sofferma in particolar modo su due fattori caratterizzanti in questa fase del mercato dell’M&A. In primis, la natura domestica delle operazioni: “Otto deal su dieci hanno riguardato società della stessa nazione mentre a fare da contraltare è stata la diminuzione del 20% delle operazioni cross border”, (elemento che per Costa è il risultato delle incertezze che stanno emergendo a livello geopolitico e autorizzativo nell’ultimo periodo).

Un secondo fattore è, invece, la diversificazione in termini settoriali che ha interessato queste operazioni. “A fare la voce del padrone sono stati soprattutto il settore energetico e delle utilities, in Europa, e delle assicurazioni sanitarie negli Stati Uniti, grazie al supporto della politica fiscale varata da Trump”.

“Quest’estrema vivacità nel mercato dell’M&A costituisce un elemento particolarmente favorevole per le prospettive di rendimento delle strategie event driven”, spiega Costa. Tuttavia, l’esperto sottolinea che per la loro natura e dimensioni “tali operazioni richiederanno più tempo che in passato per arrivare alla concretizzazione” e in riferimento al fondo Leadersel Event Driven aggiunge: “Considerato l’emergere delle tensioni geopolitiche e di ulteriori rischi a livello antitrust, prevediamo un aumento della volatilità per quanto riguarda i ritorni attesi della strategia ma anche la possibilità di ottenere rendimenti interessanti in virtù della buona diversificazione e della complessità delle operazioni che entreranno nei portafogli degli arbitraggisti”.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Ersel acquisterà Banca Albertini SYZ

Firmato l'accordo che nei prossimi mesi dovrebbe portare Ersel ad acquisire nel 2018 la quota di maggioranza della storica casa milanese, rilevando dal Gruppo SYZ il 64,3% delle azioni attualmente in mano al gruppo bancario svizzero, mentre Alberto Albertini manterrà l’attuale quota del 35,7%.