Cosa succede sui mercati quando i tassi di interesse salgono?


È impossibile predire come reagiranno i mercati azionari all’aumento dei tassi di interesse. L'unica possibilità è attingere ai libri di storia ed analizzare come si sono comportate le Borse nei periodi in cui le Banche centrali hanno aumentato i tassi di interesse, senza dimenticare che la politica monetaria non è l'unico elemento che influenza le quotazioni e che ci sono altri fattori condizionanti.

Tuttavia, Vanguard ha svolto questo esercizio, analizzando qual è stato il comportamento dello S&P 500 durante tutti i periodi degli ultimi 50 anni in cui la Fed ha incrementato i tassi. I risultati dello studio sono sorprendenti. L'analisi condotta dalla società americana mostra che, negli ultimi 50 anni, non si evidenziano forti crolli del mercato azionario durante i cicli di aumento dei tassi. Al contrario, dal 1967 ci sono stati 11 periodi in cui la Fed ha aumentato il prezzo del denaro, in 10 di questi, la redditività generata dall'indice S&P 500 è stata positiva. Solo nel periodo tra febbraio e luglio 1974 l'indice offriva rendimenti negativi (-15%). In media, la redditività annua netta offerta dall'indice S&P 500 durante questi periodi di rialzo dei tassi d'interesse è stata del 10%, in linea con quella registrata dal 1925 al 2017.

Captura_de_pantalla_2018-09-27_a_las_21

A rigor di logica l'inasprimento della politica monetaria spesso avviene quando l'economia mostra una buona ripresa e una forte crescita degli utili. Pertanto, le azioni tendono a registrare rendimenti interessanti durante tali fasi. La domanda è sapere cosa accadrà in questa occasione. Uno degli aspetti che ha spaventato di più è l'evoluzione della curva dei tassi negli Stati Uniti. I tassi di interesse sulla parte bassa della curva stanno aumentando più velocemente di quelli sulla parte lunga, causando un appiattimento della curva, una tendenza che gli operatori si aspettano possa continuare. Il fatto è che, nell'ultimo secolo, l'inversione della curva dei tassi d'interesse è stata tradizionalmente interpretata come un segnale precoce di rallentamento economico.

Per Adrian Hull, co-gestore del reddito fisso di Kames Capital, questo non è un caso. "In questo momento, il comportamento della banca centrale e l'obiettivo generico di inflazione del 2% offrono stabilità, ma, mentre l'espansione quantitativa termina e le obbligazioni acquisite come parte dei programmi di acquisto di attività stanno ritornando sul mercato, siamo comunque in un territorio sconosciuto ". Data questa situazione, l'esperto ritiene che sia possibile che gli investitori tornino indietro nel tempo per cercare di prevedere le conseguenze di una curva dei tassi invertita.

"Un'analisi di BNP Paribas rivela che, fino al 1930, la curva dei tassi era quasi sempre invertita. I Gilt perpetui erano scambiati con un premio rispetto ai prestiti interbancari giornalieri. Fondamentalmente, le persone che avevano soldi non si preoccupavano di ottenere rendimenti più alti in un sistema bancario mal regolato. Bastava la sicurezza dei Gilt e lasciavano gli altri lottare per rendimenti più alti. Anche se non c'è dubbio che questa sia una visione un po 'semplicistica dei mercati obbligazionari del tardo diciannovesimo secolo, molto meno regolamentati di adesso, possiamo trovare parallelismi con la situazione attuale. Il regolamento richiede che una percentuale del denaro dei fondi pensione sia investita in attività assicurative a lungo termine, indipendentemente dal costo dei prestiti interbancari overnight, che sta generando (come è già accaduto in molte occasioni e continua a verificarsi in gilt a lungo termine) una curva dei tassi invertita".

Amit Lodha, manager di Fidelity Global Focus ritiene che “un'inversione della curva non significa necessariamente il ritorno di uno scenario di recessione economica. Una curva invertita non è il preludio sicuro di una recessione: è necessaria, ma da sola non è sufficiente. Se fosse così facile, gli investimenti potrebbero essere distribuiti utilizzando un unico indicatore. " Secondo il gestore in passato i mercati avevano avuto buoni risultati nei periodi in cui la curva dei rendimenti era invertita, sebbene i settori con la migliore performance ora siano cambiati. Nonostante ci siano molte ragioni di prudenza nel contesto attuale, Lodha non pensa che le prospettive siano totalmente negative. La ragione principale del suo ottimismo è che Trump è riuscito a dare un impatto positivo per  la fiducia delle imprese dell'altra sponda dell'Atlantico. "Le aliquote fiscali degli Stati Uniti sono i più bassi dal 1930, l'età media delle infrastrutture è la più alta dalla seconda guerra mondiale e, dal punto di vista delle compagnie nazionali, le dispute commerciali rendono le prospettive di reinvestimento negli Stati Uniti più attraenti. Tutto ciò suggerisce che non potrebbero esserci condizione migliore per gli investimenti delle imprese e l'inizio del ciclo di spesa e, se ciò accadrà, saremo in una fase intermedia del ciclo, più che alla fine ", aggiunge.

Torniamo al principio: ogni ciclo di rialzi dei tassi si inquadra avviene in un contesto che fa sì che la politica monetaria non sia l'unico fattore da considerare quando si cerca di analizzare e capire l'evoluzione del mercato azionario in questa occasione.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente