Cosa nascondono i dati sui movimenti di liquidità che la crisi del COVID-19 sta provocando?


La pandemia di coronavirus sta causando una crisi economica senza precedenti a livello mondiale, con conseguenze che colpiscono anche il settore europeo dei fondi di investimento. Secondo i dati di Refinitiv, nel primo semestre dell'anno il patrimonio gestito dal settore è sceso da 12.300 miliardi di Euro a fine 2019 a 11.700 miliardi a fine giugno. In altre parole, in sei mesi il volume delle attività detenute dal settore è diminuito di circa 600 miliardi. Questa è la cattiva notizia di un fatto che nasconde movimenti di denaro sottostanti che nascondono tendenze molto importanti.

In primo luogo, va notato che questo dato negativo si spiega con il cattivo andamento dei mercati finanziari. Il forte calo del prezzo degli attivi (sia azionari che obbligazionari) ha fatto sì che gli attivi dell'industria europea si siano ridotti di poco più di 700 miliardi nel primo semestre dell'anno. A questo proposito, è interessante notare come le perdite registrate dai mercati non abbiano portato a un crollo della fiducia degli investitori nei fondi di investimento. Al contrario. Secondo i dati di Refinitiv, tra gennaio e giugno 2020 il settore ha registrato, una raccolta netta in entrata pari a 123 miliardi, mitigando così i danni causati dall'effetto mercato.

L'impegno degli investitori nei fondi è aumentato, soprattutto nei prodotti di gestione attiva, dove sono arrivati 105,6 miliardi dei 123 miliardi guadagnati dal settore nel suo complesso. Gli altri 17,4 miliardi sono stati attratti dagli ETF, un segmento che sta emergendo più forte anche in termini di fiducia degli investitori. Sebbene il volume del patrimonio degli ETF in Europa sia diminuito nella prima metà dell'anno, passando da 870 miliardi a 830 miliardi, la popolarità di questi strumenti continua a crescere in Europa, come dimostrano gli afflussi che compensano parte dell'effetto di mercato e lasciano il risultato finale nei 40 miliardi che separano il patrimonio di dicembre da quello detenuto dagli ETF a giugno.

Un'ulteriore analisi dei dati rivela fatti interessanti. Nel caso della gestione attiva, colpisce che la maggior parte degli afflussi netti si sia concentrata sui fondi del mercato monetario. Tra gennaio e giugno in Europa sarebbero stati ricevuti fino a 150 miliardi di euro. Questa ricerca di rifugio nei fondi del mercato monetario è ciò che ha permesso a J.P. Morgan AM e Goldman Sachs AM di essere al primo e al terzo posto nella classifica degli afflussi netti nella prima metà dell'anno. Il fatto che siano società con prodotti di grandi dimensioni e che abbiano un marchio riconosciuto sono fattori che storicamente hanno beneficiato entrambe le entità quando l'investitore cerca rifugio.

"I forti afflussi di fondi monetari dimostrano che gli investitori non sono ancora molto sicuri di quale sarà l'impatto economico della crisi di COVID-19. L'acquisto di questo tipo di prodotto può essere visto come un passo logico, data l'incertezza che esiste", afferma Detlef Glow, direttore dell'analisi di Refinitiv per l'EMEA. La maggior parte della raccolta è stata realizzata da monetari in Dollari USA (61 miliardi), ma anche i prodotti in Euro (47 miliardi) e in Sterline (42,5 miliardi) hanno registrato numeri positivi. 

Un'altra realtà, questa molto più preoccupante per il settore, è la crisi di fiducia dei fondi UCITS alternativi durante la pandemia. Tra gennaio e giugno, le uscite hanno raggiunto i 60 miliardi, un dato che dimostra chiaramente che la fiducia degli investitori europei in questo tipo di strategia sta crollando. E lo fa in un momento in cui i fondi alternativi dovrebbero mettersi in mostra, poiché in molti casi si tratta di prodotti che dovrebbero avere una bassa correlazione con il mercato e dovrebbero quindi fornire protezione e de-correlazione ai portafogli.

Infine, altre due tendenze non sono meno rilevanti. La prima è la trazione che i fondi azionari globali continuano a guadagnare, soprattutto quelli in gestione attiva. Tra gennaio e giugno le entrate in questa categoria di prodotti hanno attirato 35 miliardi, di cui 30 miliardi sono andati a strategie attive e 5 miliardi a prodotti passivi. Il secondo è stato il deflusso dai fondi azionari americani (-18,6 miliardi nel primo semestre). La novità è che questa volta i rimborsi non riguardano solo i fondi attivi ma anche gli ETF. I fondi obbligazionari quotati sono subentrati ai fondi azionari come motore di crescita per la gestione passiva.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente