Tags: USA |

Come interpretare l'ultimo messaggio della FED: le prime reazioni degli analisti internazionali


Fino ad ora, i tonI accomodantI delle banche centrali di tutto il mondo hanno aiutato molto i mercati. Come si è visto, la risposta della Federal Reserve a una crescita economica più moderata è stata quella di sospendere il percorso di rialzo dei tassi. Un movimento che gli investitori hanno rapidamente interpretato come la fine del ciclo di normalizzazione. "Abbiamo visto l'ultimo rialzo dei tassi da parte della Fed", hanno affermato esperti come Nick Maroutsos, di Janus Henderson, o Marika Dysenchuk, di JP Morgan Asset Management.

Però chi non la vede così chiara è la stessa Fed. Non ci si aspettava dei grossi cambiamenti nella riunione di maggio, tenutasi mercoledì scorso, ma c'è un piccolo dettaglio nel suo messaggio che ha fatto riflettere gli esperti. Nel suo discorso, Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, ha detto che non vede alcun motivo per aumentare i tassi...ma nemmeno per abbassarli. Per l'analista di WisdomTree Kevin Flanagan, si sta creando una separazione tra il mercato e la Fed.

"L'inflazione è la nuova ossessione del mercato", spiega Flanagan. E forse i motivi ci sono. "Lo spirito di Yellen era presente durante l'incontro in cui Powell ha parlato di fattori idiosincratici per spiegare la recente debolezza dell'inflazione core nel paese", afferma Bart Hordijk, analista di Monex Europe. Come ricorda l'esperto, Yellen ha usato la stessa terminologia parlando dei prezzi durante un periodo di bassa inflazione a metà 2017. "Questo potrebbe essere degno di attenzione: ci potremo trovare in una situazione transitoria come quella di due anni fa".

James Knightley, chief economist presso ING, vede argomenti a sostegno della Fed e ritiene che i mercati siano troppo rilassati. "L'aumento del costo del lavoro sotto forma di salari potrebbero essere positivo per i consumi, mentre l’aumento dei prezzi del greggio avrà un effetto su altre componenti". Negli Stati Uniti il ​​costo della benzina è rimbalzato del 30% quest'anno e avrà un impatto sui costi di trasporto e di distribuzione.

Un'inflazione bassa è l'argomento utilizzato per giustificare un taglio dei tassi, afferma David Kohl, analista di Julius Baer, ​​ma Knightley ricorda che con una crescita sostenuta e con un miglioramento delle condizioni finanziarie, non ci sono le condizioni che possano giustificare un'anemia nei prezzi. Powell ha parlato di crescita e di creazione di “solidi” posti di lavoro. È un tono leggermente più ottimista di quello della riunione di marzo quando aveva parlato del rallentamento dell'economia. "Un solido mercato del lavoro e una consistente fiducia dei consumatori, possono in parte compensare il sostegno agli stimoli fiscali che si sta dissipando", spiega Knightley.

La prima reazione delle borse è stata leggermente negativa. Gli indici europei si muovono giovedì mattina con lievi perdite, seguendo le tracce di Wall Street, che ieri si ha chiuso in rosso. Per quanto riguarda il reddito fisso, Flanagan osserva che il mercato dei Treasury americani dovrà adattarsi a una crescita economica più forte di quanto inizialmente pensato e a una Fed in pausa. Potrebber capitare che gli investitori si sveglino un giorno e si chiedano: "Perché la Fed è rimasta indietro?"

Professionisti
Società

Notizie correlate

La Fed può davvero tagliare i tassi nel 2019?

La pressione dei mercati in vista della prossima riunione della Banca Centrale americana del prossimo 1 maggio è già iniziata. Movimenti della curva dei Treasury e dichiarazioni proveniente dagli USA sembrano andare in questa direzione. Molto però dipenderà dall’andamento della crescita globale.