Ciò che non viene quasi mai preso in considerazione quando si investe


Oggi, molte aziende in tutto il mondo presentano clienti, fornitori e linee di produzione in una molteplicità di Paesi. Ciò nonostante, gli investitori continuano ad applicare approcci di asset allocation che definiscono l'esposizione di un portafoglio a seconda del Paese in cui le società sono domiciliate, e non in base al luogo in cui tali società generano il loro reddito. Questo approccio può offrire disinformazione, non solo sui fondamentali che guidano le performance delle aziende, ma anche sui rischi e le opportunità che presentano i portafogli.

In un'economia integrata su scala globale, è normale che i beneficiari del miglioramento delle condizioni economiche non si trovino nei pressi del luogo in cui si svolge la ripresa stessa. Un esempio è l'Europa, dove i primi segnali di ripresa offrono prospettive promettenti per alcune aziende della regione, mentre questi potrebbero anche stimolare la crescita di profitto di società con sede negli Stati Uniti, il che è essenziale quando si valutano le opportunità a lungo termine dei mandati statunitensi.

Alcuni fund manager non credono sia possibile investire nel mercato statunitense senza capire cosa stia realmente accadendo nel mercato globale. Un gran numero di aziende sviluppa una parte molto importante della propria attività commerciale al di fuori degli Stati Uniti. Si può dire che queste siano società americane? Tecnicamente lo sono, ma in realtà sono aziende globali. Un'analisi multi-livello con un nuovo focus geografico aiuta tuttavia a determinare le opportunità che presenta un'azienda e ad identificare le sfide che la crescita a lungo termine si trova ad affrontare. E lo stesso accade, ad esempio, con le aziende del FTSE 100.

Negli ultimi 40 anni, l'economia globale è diventata sempre più interdipendente. Gli accordi di libero scambio, l'Unione Europea, le riforme economiche e l'ascesa della classe media nelle economie emergenti hanno permesso alle aziende di competere per l’ottenimento di clienti, forza lavoro, capitale e risorse naturali su scala globale. I dati dell'indice MSCI All Country World, il più grande indice azionario mondiale, confermano questo fenomeno. Secondo uno studio condotto da un asset manager americano, quasi la metà dei profitti delle società che compongono l'indice sono generati al di fuori degli Stati Uniti e dell'Europa occidentale.

"Se dovessimo considerare le società di indici in base al Paese in cui queste si trovano, i mercati emergenti rappresenterebbero solo l'11% delle opportunità di investimento globali per capitalizzazione di mercato. Tuttavia, se teniamo conto del luogo in cui queste società sviluppano la loro attività, i mercati emergenti rappresenterebbero un terzo di tutta la domanda globale di beni e servizi. Gli investitori possono accedere alla domanda dei consumatori nei mercati emergenti e allo stesso tempo controllare il livello di volatilità investendo in società multinazionali i cui ricavi provengono, in parte significativa, dai mercati emergenti", affermano dalla casa di gestione.

Allo stesso modo, anche se quasi il 50% della capitalizzazione di mercato di tutto il mondo è rappresentato da società con sede negli Stati Uniti, i prodotti sono consumati principalmente al di fuori del Paese. Al momento, le entrate delle aziende offrono agli investitori informazioni preziose. Il reddito di un'azienda aiuta a indicare dove la società stia principalmente sviluppando la propria attività. Di conseguenza, gli investitori dovrebbero sfruttare le opportunità di investimento ovunque si trovino e costruire il proprio portafoglio in base ai loro obiettivi, e non in base alle dimensioni, allo stile o al Paese di residenza delle società.

Ad esempio, le società con sede negli Stati Uniti e in Asia possono beneficiare della ripresa economica europea, quindi un fondo globale offrirà agli investitori un maggiore accesso alle opportunità di investimento esistenti. Gli investimenti secondo il nuovo approccio geografico richiedono che i portfolio manager siano in grado di superare i confini tradizionali per effettuare un'analisi fondamentale che esamini tutti gli aspetti di un'azienda, incluso il luogo di origine dei redditi e dei benefici.

Notizie correlate