Cinque anni di SDGs: la nascita di un'industria sempre più sostenibile


"L'investimento responsabile non è più un privilegio dell'investitore istituzionale, ma un must per l'investitore al dettaglio. Per Sandra Crowl di Carmignac, questo è il più grande successo degli ultimi anni nel settore dei fondi. Sono ormai trascorsi cinque anni dall'adozione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. 17 obiettivi per rendere il mondo un luogo più sostenibile che, assieme ad accordi importanti come l'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici del 2015, hanno cambiato le regole del gioco nel mondo degli investimenti. 

Ad oggi, più di 3.000 investitori istituzionali, che rappresentano più di 100.000 miliardi di Dollari USA di asset investiti, si sono impegnati a seguire le raccomandazioni di investimento responsabile dei Principi di Investimento Responsabile (PRI) delle Nazioni Unite.

Il fatto che vi sia un consenso globale, un movimento generale tra i maggiori investitori mondiali, fa degli OSS, secondo Andreas Fruschki, responsabile degli investimenti tematici di AllianzGI, un caso d'investimento solido per un rendimento sostenibile.

Il capitale come motore del cambiamento

Per i gestori, la grande evoluzione e il motore del cambiamento è il fatto che i capitali sono stati allineati agli interessi della sostenibilità. "Il settore finanziario è spesso visto come l'anello vitale per consentire il cambiamento in tutto il sistema", riconosce Hamid Amoura, responsabile degli investimenti responsabili di Mirabaud Asset Management. "Gli investitori hanno il potere di riallocare i capitali per lo sviluppo di nuove soluzioni e tecnologie sostenibili", spiega. 

Questa è anche l'opinione di Vafa Ahmadi, head of Thematic Equities di CPR AM (una filiale di Amundi): "È il rischio che rende le aziende e il settore finanziario consapevoli del fatto che c'è un problema. Gli shock climatici possono influire sul valore dei beni e sulla stabilità delle politiche pubbliche. Il messaggio lanciato dall'accordo di Parigi e dagli OSS è stato ascoltato anche nel settore privato e la finanza responsabile mira a riorientare i flussi di investimento".

"Questi sono obiettivi per i Paesi, ma non possono essere raggiunti senza il contributo del settore privato", dichiara Alexander Parkinson, analista senior per gli investimenti sostenibili a La Française. Ciò è riconosciuto dalle stesse Nazioni Unite con la recente pubblicazione dei suoi Business Benchmark, che fisseranno obiettivi chiari per il business. "È un importante promemoria per i manager che sviluppano soluzioni di prodotti di produzione e di consumo sostenibili, affinché garantiscano che le proprie attività siano positivamente allineate agli obiettivi". 

E in questo caso, le società di gestione hanno preso il timone dal settore pubblico. Entità come PIMCO stanno lavorando direttamente con le aziende per mobilitare i manager finanziari ad allinearsi con l'OSS. Perché per le società di gestione come ODDO BHF AM, la misurazione dell'impatto è la questione chiave. E Nicolas Jacob, direttore dell'analisi ESG dell'azienda, è esplicito sulle tre fasi del processo: qual è il valore aggiunto rispetto a una situazione di business as usual, se c'è l'intenzione di un'azienda di generare un impatto, e se questo impatto viene misurato tenendo conto delle esternalità positive e negative. Per Olivier de Berranger, direttore di gestione di La Financière de l'Échiquier, si tratta di uno sviluppo fondamentale, perché uno dei pilastri principali dell'investimento d'impatto è l'intenzionalità, che egli ritiene si raggiunga solo attraverso il processo d'investimento.

La trasformazione dell'industria

I gestori internazionali sono d'accordo nel riscontrare un impatto sull'industria degli investimenti. "Il concetto di materialità finanziaria è stato sviluppato per includere questioni che non sono state affrontate in passato e l'impatto di tale materialità è ancora sotto esame", dice Gianluca Manca, responsabile della sostenibilità di Eurizon Capital SGR. In questi cinque anni, l'investimento ESG è passato dall'essere qualcosa di nice-to-have o secondario a un argomento di investimento in sé, riconoscono esperti come Sarah Norris, investment manager di Aberdeen Standard Investments. Secondo un recente rapporto del Global Impact Investing Network (GIIN) redatto da Norris, il 73% degli investitori di impatto intervistati utilizza le OSS come quadro di riferimento per misurare e gestire l'impatto.  

"L'investimento ESG è, in sostanza, un investimento. In quanto tale, si tratta di un processo continuo di lavoro per una maggiore comprensione e una migliore implementazione", afferma Hugh Lawson, responsabile di ESG e Impact Investing di GSAM. Per l'esperto si tratta di un'esplorazione continua, che sta assumendo molte forme, dalla ricerca di portafoglio sul rischio climatico, agli investimenti tematici in soluzioni ambientali, agli investimenti a impatto privato in settori con un forte legame con gli OSS.

I cambiamenti nel settore si fanno sentire ad oggi. Ad esempio, l'emergere di nuovi settori di investimento tematici che si concentrano specificamente sulle aree ESG (energia pulita, investimenti ad impatto o città sostenibili, ecc.), rilevato da Christophe Jaubert, investment manager di Mediolanum International Funds. "Questi temi non sembrano essere una moda passeggera, ma piuttosto piattaforme di investimento sempre più integrate", sostiene. E Jean-Philippe Desmartin, capo del team d'investimento responsabile dell'asset management di Edmond de Rothschild, concorda: "Gli investitori stanno attraversando un periodo di turbolenze senza precedenti sui mercati. Il passaggio alle azioni a tema ESG ha già fissato le regole per la competizione di domani". 

Il successo degli OSS è il modo in cui è stato accettato da tutte le industrie e i settori. "Anche nei mercati emergenti, dove gli standard di divulgazione aziendale e le pratiche ESG sono rimasti indietro rispetto ad alcuni dei mercati più sviluppati, vediamo molte aziende pubblicare report dettagliati di sostenibilità che mappano le loro attività in base agli OSS", afferma Victoria Leggett, responsabile degli investimenti di impatto presso UBP. "In effetti, per alcuni OSS come l'obiettivo 7 (Clean Affordable Energy) stiamo vedendo le aziende dei mercati emergenti giocare un ruolo di primo piano in settori come le energie rinnovabili e i veicoli elettrici". 

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente