Tags: Gestori | Europa | USA |

Che settimana ci aspetta sui mercati


L’economia reale sarà la grande protagonista della settimana con, per una volta, le Banche Centrali in secondo piano. Unici appuntamenti relativi agli istituti saranno infatti, nella notte tra lunedì e martedì, il resoconto sulle decisioni di politica monetaria proveniente dall’Australia e il discorso del membro del comitato della Federal Reserve Rosenberg.

Il termometro delle attività economiche si attiverà martedì con i dati sul mercato del lavoro britannico, tra cui indice dei salari medi, richiesta di sussidi e tasso di disoccupazione.  Indice ZEW tedesco e rilevazioni sulla produzione industriale statunitense chiuderanno il secondo giorno della settimana. Produzione industriale in evidenza anche mercoledì con i dati sulla Cina, seguiti dalla conferenza stampa dell’istituto nazionale di statistica di Pechino. Nello stesso giorno sull’altro fronte della guerra commerciale, sarà invece reso noto lo stato della bilancia commerciale e sempre dagli USA arriveranno i dati sulle scorte di greggio. In Europa si conosceranno invece gli indici dei prezzi al consumo relativi alla Gran Bretagna.

Giovedì sarà il giorno degli indici dei direttori d’acquisto. Si comincerà nella notte con gli Stati Uniti per proseguire nel corso della giornata con il Vecchio Continente, con particolare attenzione allo stato di salute dell’economia tedesca. Per quanto riguarda la Gran Bretagna si conoscerà inoltre lo stato delle vendite al dettaglio. Nella notte tra giovedì e venerdì, saranno comunicati i prezzi al consumo del Giappone e nell’ultimo giorno della settimana arriveranno inoltre le rilevazioni sul mercato immobiliare statunitense su concessioni edilizie e permessi di costruzione.

Notizie correlate