Tags: Europa | USA | Emergenti |

Che settimana ci aspetta sui mercati


In settimana verranno rilasciati i dati sul PIL del quarto trimestre, in seconda lettura, negli Stati Uniti, Germania e Francia. Si segnala la pubblicazione dell'indice IFO sulla fiducia delle aziende tedesche e in Cina dell'indice dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero, significativo per valutare possibili impatti del coronavirus sul settore. 

La settimana comincia lunedì con la pubblicazione dell’indice IFO sulla fiducia delle aziende in Germania. Nella giornata di martedì occhi ancora puntati sull’economia tedesca con la diffusione del dato sul PIL annuale e di quello relativo al quarto trimestre dello scorso anno. Gli Stati Uniti rendono noto il rapporto sulla fiducia dei consumatori di febbraio.

Mercoledì attesa per il discorso del Presidente della Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde. Gli Stati Uniti comunicano il dato delle vendite di nuove abitazioni di gennaio e il dato sulle scorte di petrolio greggio. Giovedì l'Italia diffonde il livello di fiducia delle aziende e dei consumatori di febbraio. A seguire dagli USA giungono il dato sui principali ordinativi di beni durevoli a gennaio, il PIL del quarto trimestre e il dato sui contratti pendenti di vendita di abitazioni di gennaio.  

Venerdì in Giappone vengono resi noti l'indice sui prezzi al consumo (IPC) esclusi alimentari ed energetici di febbraio e la produzione industriale di gennaio. Dalla Germania in arrivo la variazione della disoccupazione nel mese di febbraio. La Francia comunica il PIL del quarto trimestre. A seguire il Canada rende noto il PIL di dicembre.

In chiusura di settimana, sabato, attenzione sulla Cina con la comunicazione dell’indice dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero di febbraio. 

Notizie correlate

Che settimana ci aspetta sui mercati

Indici dei direttori d’acquisto e decisioni sui tassi d’interesse da parte delle Banche centrali di Australia, India e Brasile caratterizzeranno la sette giorni che ci aspetta. Chiuderanno la settimana i dati sul tasso di disoccupazione USA.