Cause e conseguenze della debolezza del Dollaro contro l'Euro (1)


Uno dei maggiori cambiamenti per i portafogli degli investitori nei prossimi mesi potrebbe provenire dalle valute. Dopo anni di egemonia del Dollaro americano, c'è stato un cambiamento di tendenza. Anujeet Sareen, portfolio manager di Brandywine Global, ci ricorda le cifre: il Dollaro USA è aumentato di quasi il 9% nel primo trimestre prima di restituire quasi due terzi del suo rimbalzo a metà agosto. D'altra parte, dopo essere sceso di quasi il 5% ad un certo punto nel primo trimestre, l'Euro è ora in crescita dell'11% rispetto ai minimi di marzo. Abbiamo chiesto agli esperti i motivi e le conseguenze di questa svolta in Euro/Dollaro.

1. Cosa spiega la debolezza del Dollaro e la forza dell'Euro? 

Per capire il futuro, Sareen sostiene che bisogna prima capire il passato. Questo è ciò che ha determinato la forza del Dollaro appena sei mesi fa. Per il manager è stato un mix del tragitto di espansione del virus (iniziato in Asia e proseguito attraverso l'Europa prima di raggiungere gli Stati Uniti), alti tassi di interesse rispetto ad altri mercati sviluppati (e anche ad alcuni mercati emergenti), la fuga verso la qualità, e infine la necessità di trovare finanziamenti in Dollari quando la pandemia ha colpito. "Ma questi fattori sono stati invertiti", osserva.

Inoltre, l'Euro ha il suo vento in poppa, l'approvazione del piano di ripresa dell'UE. "Galvanizzata da un nemico comune, l'Europa sta unendo le forze per riprendersi dalle conseguenze economiche del COVID-19", dice lo strategist di Robeco Peter van der Welle. "Così facendo, ha probabilmente innescato un motore per il fiorire del valore della moneta comune: le prospettive di integrazione fiscale. Perché se l'ulteriore integrazione fiscale nella zona Euro porta alla creazione dei cosiddetti Eurobond, il dollaro USA potrebbe soffrire. "Poiché questi titoli sono rappresentativi della zona Euro nel suo complesso, è probabile che il nuovo asset superi i titoli di stato tedeschi, riducendo ulteriormente il gap di rendimento con gli Stati Uniti", spiega var der Welle. 

E la tendenza può continuare? Gli esperti ne intravedono le ragioni. Keith Wade, capo economista di Schroders, evidenzia due fattori. Il primo è il possibile arrivo di Biden come Presidente degli Stati Uniti che potrebbe portare ad una riduzione delle tensioni tra il Paese e la Cina, che a sua volta ridurrebbe l'attrattiva del Dollaro come bene rifugio sicuro. Il secondo è il probabile ritorno di disavanzi gemelli (quando un'economia ha sia deficit di bilancio che di conto corrente), che farebbe prevedere un periodo di debolezza del Dollaro man mano che l'economia diventa dipendente dai finanziamenti esterni. Wolfgang Bauer, fund manager del team a reddito fisso di M&G Investments, è d'accordo con questi due fattori e ne aggiunge un altro: che gli Stati Uniti dovrebbero diventare un esportatore netto di petrolio, il che potrebbe influenzare anche il Dollaro.

C'è un consenso tra i manager internazionali: "Il Dollaro è una valuta sopravvalutata", dice Luca Paolini, chief strategist di Pictet AM. A suo parere, il Dollaro è in declino strutturale, a causa della riduzione del suo vantaggio in termini di crescita economica e di un doppio record di deficit, bilancio fiscale e bilancia commerciale. "Stimiamo che il suo doppio deficit raggiungerà quest'anno il 22% del PIL, il peggior livello dagli anni '70", ricorda. "La situazione dell'Europa sembra migliore di quella degli Stati Uniti dal punto di vista economico, politico e sanitario". Anche PIMCO e BNY Mellon vedono una continuità nella caduta del dollaro. "Le code estreme in cui il Dollaro si comporta meglio non sono scomparse, ma forse sono state appiattite da risposte fiscali e monetarie aggressive in tutto il mondo", sostengono fin dalla prima. 

Vanno presi in considerazione anche gli indicatori tecnici, come il posizionamento dei principali investitori evidenziati su questo grafico da DWS. "All'inizio dell'anno, molti partecipanti al mercato dei futures valutari si erano posizionati in un Euro più debole. Con l'Euro più forte anche questo è cambiato. Attualmente, le scommesse su un'ulteriore debolezza del Dollaro sono al loro punto più alto dal 2018", spiegano. 

DWS

Fonte: DWS

Questo a sua volta suggerisce che la maggior parte delle buone notizie per l'Euro ha un costo, lasciando spazio a sorprese negative. Perché non tutte le case di gestione sono così certe al riguardo: "Nel complesso, è ancora troppo presto per scrivere il necrologio del Dollaro", avverte Stefanie Holtze-Jen, chief strategist valutario di DWS. "In fin dei conti partiamo dal presupposto che entrambe le regioni economiche possano vivere bene con un tasso di cambio compreso tra 1,10 e 1,25", afferma Philipp Vorndran, investment strategist di Flossbach von Storch

Un altro fattore contrario potrebbe venire dalle stesse banche centrali. Come sottolinea Dave Chappell, senior manager a reddito fisso della Columbia Threadneedle Investments, nessuna banca centrale ha bisogno di una valuta forte in questa fase iniziale della ripresa. Questo è un punto sollevato anche da James Athey, investment manager di Aberdeen Standard Investments, che è ribassista sull'Euro. "Il rafforzamento dell'Euro è una questione importante per l'economia europea. La zona Euro è una regione con un avanzo delle partite correnti, che dipende in gran parte dalla domanda esterna. Molte delle società nei suoi principali indici azionari realizzano gran parte dei loro profitti all'estero", osserva.

Clicca qui per la seconda parte dell'articolo

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 4 Siguiente