Candriam debutta su ETFPlus


Borsa Italiana dà il benvenuto a Candriam Investors Group. Il gestore patrimoniale multi-specialista paneuropeo debutta sul segmento ETFPlus con cinque ETF di Candriam Luxemburg che consentono di investire sui mercati azionari e obbligazionari, beneficiando dell’approccio ESG e dell'expertise di IndexIQ, boutique di investimento statunitense specializzata in strategie smart beta e detenuta dallo stesso azionista di Candriam, New York Life.

I 5 ETF ESG smart beta di Candriam a replica fisica, armonizzati UCITS e che permettono di prendere posizione su tre mercati azionari (Europa, area UEM, Giappone) e sui titoli di Stato e sulle obbligazioni corporate emesse in euro sono:

  • IndexIQ Factors Sustainable Europe Equity UCITS ETF Cap: oltre 280 large e mid cap europee. Livello di rischio: 6

  • IndexIQ Factors Sustainable EMU Equity UCITS ETF Cap: oltre 150 large e mid cap dell'UEM. Livello di rischio: 6

  • IndexIQ Factors Sustainable Japan Equity UCITS ETF Cap: oltre 140 large e mid cap giapponesi. Livello di rischio: 6

  • IndexIQ Factors Sustainable Sovereign Euro Bond UCITS ETF Cap: oltre 120 bond di Stati Sovrani (Paesi UEM e non UEM) denominati in Euro. Livello di rischio: 3

  • IndexIQ Factors Sustainable Corporate Euro Bond UCITS ETF Cap: oltre 280 bond corporate investment grade denominati in Euro. Livello di rischio: 3

"Siamo convinti che il mercato italiano gradirà questa offerta distintiva di ETF, che si caratterizza per un approccio alla gestione altamente attivo e che fonde l’expertise di Candriam negli investimenti sostenibili e responsabili con quella negli Smart Beta di IndexIQ", ha commentato Matthieu David, head of Italian branch del Gruppo. "La combinazione di questi due criteri potrà far ottenere agli investitori migliori ritorni aggiustati per il rischio".

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anche gli ETF muoiono

Negli ultimi 15 anni sono stati ritirati dal mercato più di 800 prodotti passivi. Le società danno loro un tempo massimo di tre anni, trascorsi i quali, se le masse non superano i 100 milioni, vengono liquidati.