Tags: Consulenza | Gestori | ETF |

BlackRock, narrativa e relationship management si rinnovano


Una recente ricerca del team BlackRock Porfolio Analysis & Solutions condotta su oltre 600 portafogli in 13 Paesi in Europa certifica che ci troviamo all’inizio di un percorso di cambiamento. Ad emergere dallo studio è l’aumento dell’utilizzo dei prodotti indicizzati che passa dal 14% al 24% nel corso dell’ultimo anno, mentre resta alto il ricorso ad asset class alternative, stabile tra il 21% e il 25% a seconda dei profili di rischio. “La prima valutazione da fare”, afferma Andrea Favero, head of iShares Italy Wealth di BlackRock, "è la presenza di una ricerca di qualità che si traduce in due elementi distinti ma interconnessi: da una parte la ricerca di maggiore efficienza e dall’altra il costante interesse per fonti di alpha alternative, sia per il potenziale di rendimento sia per la maggiore indipendenza dall’andamento complessivo dei marcati”.

La costruzione di portafoglio al centro della narrativa

“Siamo sempre più coinvolti in un percorso di formazione a fianco dei consulenti tanto per temi specifici quanto per la costruzione di portafoglio”. Quest’ultimo elemento, sottolinea Favero, è oggi al centro della narrativa di BlackRock e include tutte le tipologie di strumenti in modo organico, a conferma di una offerta che abbraccia ogni filosofia di allocazione e expertise interna.

L’importanza della tecnologica

Un ulteriore fattore di cambiamento è rappresentato dalla rivoluzione digitale in atto. Elemento che interessa tanto la costruzione di prodotto quanto la clientela, in ottica sia di servizio che di analisi. Una trasformazione finalizzata all’individuazione delle soluzioni di investimento più adatte ad ogni singolo risparmiatore che si integra con una seconda importante tendenza, quella dell’utilizzo dei portafogli modello. “Notiamo una effettiva evoluzione a livello di business con fasce di clientela sempre più servite da questo tipo di soluzioni che in un futuro potranno essere veicolate in maniera differente”. La tecnologia sarà il focus dell’attività di consulenza, in quanto giocherà un ruolo sempre più rilevante anche nell’ambito della relazione.

L’evoluzione del relationship management

A cambiare non è solo l’attività del consulente. Nel processo in atto sono chiamate ad evolversi anche le case di gestione e non solo in termini di innovazione nella costruzione di prodotti. “Negli Stati Uniti BlackRock applica un modello di approccio distinto e integrato tra professionisti che curano la relazione con i family office, altri focalizzati nella costruzione di portafogli e di esigenze di allocazione puntuale e infine coloro che lavorano con i consulenti per rendere chiara ed accessibile l’intera gamma di prodotti offerti”, rivela Favero. “Una formula organizzativa”, aggiunge, “che stiamo progressivamente adottando anche in Europa per superare il paradigma costituito dalla divisione tra clientela istituzionale e clientela privata”. A testimonianza dell’avviamento di questo processo, iShares ha creato nella sua struttura europea un Home Office Team, interamente dedicato a coloro che si occupano di asset allocation e costruzione di portafogli, “con l’obiettivo”, spiega Favero, “di diventare gli index expert di questa tipologia di entità, fornendo un servizio dedicato e caratterizzato da una prossimità che va ben oltre la vendita di strumenti di investimento”.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente