Bill Gross: "Vaccino o no, ci sono pochi affari in giro per il mondo".


Bill Gross vede le cose complicate. "Che ci sia o meno un vaccino per COVID-19, ci sono ormai pochi soldi da guadagnare quasi ovunque nel mondo", dice il leggendario guru del reddito fisso nella sua ultima lettera di previsioni. Come suo figlio Nick (a cui dedica ampie critiche sulla sua passione per i tatuaggi), il mondo è stato segnato da un virus invisibile. Ma a differenza del tatuaggio all'interno del labbro del figlio, le conseguenze sono molto visibili. La vita di oltre 7,5 miliardi di persone è stata cambiata in modi inimmaginabili. "Gli investitori si sono chiesti se le cose torneranno ad essere come prima. E con la risposta probabilmente no, la gara per trovare i presunti vincitori e perdenti è iniziata", dice Gross. 

Nel suo precedente Investment Outlook, Gross aveva analizzato i tassi di interesse reali tra gli Stati Uniti e l'Europa come causa principale della disparità di comportamento delle attività quotate a favore delle primi. Ricorda che mentre il Nasdaq e l'S&P 500 sono passati dal 5 al 25% nel corso dell'anno, indici europei come il Dax, il Cac o l'FTSE sono comunque diminuiti in media del 5-15%. Ma non tutto può essere attribuito ai tassi, secondo lui. "L'economia degli Stati Uniti ha ricevuto uno stimolo fiscale maggiore che in qualsiasi altra parte del mondo. I tassi di risparmio personale nel Paese non sono mai diminuiti, anzi sono cresciuti del 12% all'anno. La Germania e altre economie europee hanno deciso di iniettare stimoli più leggeri direttamente nelle aziende, mentre il Tesoro e la Fed hanno distribuito direttamente il denaro dell'elicottero attraverso sussidi di disoccupazione e altre garanzie per mettere il denaro direttamente nelle tasche dei lavoratori", analizza. 

Ma adesso Gross invita a riflettere se gli Stati Uniti saranno in grado di mantenere questo vantaggio in futuro. L'ex gestore è esitante: "La mia opinione è che la maggior parte, se non tutti, gli stimoli fiscali negli Stati Uniti siano finiti. Continuare a rilanciare l'economia negli anni futuri richiederebbe non un deficit di 4 trilioni di dollari, ma di 5-6 trilioni di dollari. E per ridurre il deficit a 3 trilioni o 2 trilioni di dollari dovremmo passare attraverso quella che gli economisti chiamano zavorra fiscale" e dovrebbe essere compensato da una crescita annuale del 6-7% per anni e anni nel settore privato. Un sogno Trumpico o Bideniano, suppongo, ma non realistico.

Secondo lui, un investitore dovrebbe giocare in difesa. Rifugiarsi nelle obbligazioni? Al contrario. Gross si riferisce alle scommesse su quei settori che vengono ripudiate: tabacco, banche. "Sì, anche nelle aziende quotate in Europa che non hanno fatto sogni di prosperità economica spinti da tassi d'interesse artificialmente bassi", insiste.  

Professionisti

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente