Bestetti (Hedge Invest SGR): “Siamo una boutique che offre prodotti di nicchia a gestione attiva”


Al fine di proteggersi da eventuali correzioni delle principali asset class, gli asset manager stanno spostando la loro attenzione verso strategie decorrelate, mettendo al centro i processi di risk management. Anche Hedge Invest SGR si sta muovendo verso questa direzione. Entrando più nel dettaglio, il business dell’asset manager italiano si basa su tre pilastri: il mondo hedge multi-manager, i fondi alternativi armonizzati e i fondi chiusi. “Circa cinque anni fa, abbiamo cominciato a diversificare la nostra gamma prodotti e siamo entrati nel mondo UCITS. Abbiamo poi lanciato delle strategie single manager con l’idea di completare la nostra gamma grazie alla partnership con manager di hedge fund che volevano puntare sul mondo armonizzato. Il terzo pilastro della gamma prodotti è nato nel 2010 con il lancio di un fondo con focus sul mercato immobiliare americano approcciato con uno stile multi-manager”, afferma Stefano Bestetti, direttore di Hedge Invest SGR.

L’evoluzione nel tempo

“In termini di masse siamo sempre cresciuti nel tempo tranne ultimamente perché il mercato ha privilegiato maggiormente le strategie direzionali che hanno beneficiato dei QE. Oggi ci definiamo una boutique capace di offrire prodotti di nicchia a gestione attiva e capace di guardare cosa succede sui mercati esteri grazie ai due uffici che abbiamo a Londra”, dice Bestetti. La società gestisce circa 1,3 miliardi di euro, concentrati prevalentemente sul mercato italiano. Hedge Invest cerca di seguire al meglio delle nicchie di mercato in modo da poter rispondere alle esigenze dei clienti privati e istituzionali di alto standing. “A livello strategico non abbiamo promotori o private banker per metterci al servizio di realtà di wealth management senza conflitti di interesse. Concentriamo quindi la nostra attenzione alla produzione più che alla commercializzazione del prodotto. Abbiamo anche una parte di clientela diretta rappresentata dai più importanti family office italiani”, sottolinea il manager.

Fondi Hedge Invest con Marchio Funds People

Nella gamma di prodotti Hedge Invest troviamo tre fondi con rating Blockbuster, l’Hedge Invest Global Fund, l’HI Numen Credit Fund e l’HI Principia Fund. Da dicembre 2001, data di lancio del fondo Hedge Invest Global, il comparto ha sovraperformato l’indice JP Morgan GBI e l’indice MSCI World in valute locali. Si tratta di un fondo storico dell'asset manager italiano che viene gestito secondo una strategia bottom-up e di capital preservation. L’obiettivo del comparto è quello di offire agli investitori un’extraperformance a medio lungo termine di 4-5 punti percetuali rispetto agli investimenti risk free con una volatilità compresa tra il 3,5% e il 5,5%, indipendentemente dall’andamento degli indici di mercato. “Il prodotto è nato con l’obiettivo di offrire un portafoglio diversificato su tutte le strategie alternative. Il fondo ha superato anche gli anni della crisi del 2007: investendo nelle strategie hedge più liquide non solo non abbiamo avuto problemi di gate e side pocket, ma abbiamo anche recuperato le inevitabili perdite del 2008 in appena 12 mesi”, dice Bestetti. Il comparto investe prevalentemente in hedge fund con strategie legate al mercato azionario, integrate da strategie decorrelate dagli stessi, ed è diversificato tra 25 e 35 gestori. Nel portafoglio oggi ci sono prevalentemente fondi di tipo long/short equity, event driven, relative value e macro-CTA, anche se la strategia principale del comparto è quella long/short equity

Inoltre, "nella nostra gamma di prodotti, l'HI Numen è pronto a sfruttare l’aumento dei tassi, mentre l'HI Principia sta svolgendo un egregio lavoro di stock picking nel mondo azionario europeo mid cap", dice Bestetti. L’HI Numen Credit Fund, appartenente alla categoria degli alternativi long/short debt, mira a generare un rendimento annualizzato di medio periodo del 6% con una volatilità attesa del 3,5%-4%, attraverso l’acquisto selettivo di obbligazioni con un profilo di volatilità contenuta e il trading opportunistico di bond ad alta volatilità, utilizzando l’arbitraggio in occasione di eventi come ristrutturazioni, buyback e fusioni. In termini di performance, il comparto ha realizzato una performance positiva dell’1,44% nel corso 2017 (al 31/10). La performance positiva di ottobre (+0,67%), che è stato il mese più performante dopo gennaio, è in gran parte attribuibile alla posizione azionaria lunga su Monte Paschi e Fiat Chrysler e a quella corta su Rite Aid. L’ultimo prodotto con rating Blockbuster è l'HI Principia, un alternativo long/short equity Europa che mira a generare un rendimento annualizzato di medio periodo del 7-8% investendo nei mercati azionari del nord Europa con un approccio di tipo fondamentale. Il fondo ha garantito una performance del 9,45% nel 2017 (al 31/10), accumulata prevalentemente da febbraio a maggio. La performance positiva di ottobre (+0,66%) è in gran parte attribuibile alla parte lunga del book, in particolare sui titoli Laird Plc e Entertainment One. Dalla data di lancio (ottobre 2012), il prodotto ha sempre realizzato performance consistenti, ad eccezione del 2016 (-1,89%).

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente