Tags: Gestori | Business |

Asset manager, chi ha il sito web più efficace?


Le parole sono importanti. Una banalità se l’argomento trattato rientra nell’ambito della comunicazione, ma un principio che dovrebbe essere tenuto bene a mente dalle case di gestione per non diminuire, o azzerare, l'efficacia dei grandi investimenti messi in campo per rinnovare i propri siti web istituzionali in ottica di maggiore contatto con la clientela.

Un’indagine VisibleThread ha analizzato le pagine internet di 60 case di gestione internazionali per stilare una classifica di leggibilità e usabilità, scoprendo come i fattori di maggiore criticità siano proprio l’utilizzo di un linguaggio eccessivamente complesso e l’eccessiva lunghezza delle frasi utilizzate. Il risultato di questi due errori, specie se combinati, è la drastica diminuzione della percezione di trasparenza, valore fondamentale per una società che opera nel settore finanziario. Lo studio ha scandagliato oltre 6.000 pagine web assegnando un ranking su quattro categorie: leggibilità, utilizzo di voci passive (tipico dell’impostazione accademica), lunghezza dei periodi e terminologia.

VisibleThread

La trappola mentale dell’utente sofisticato

Un errore tipico, sottolineato dallo studio, consiste nell’assumere che i visitatori di un sito web di una casa di gestione, in quanto in maggioranza operatori professionali, non siano sensibili alla complessità dei contenuti. Le conclusioni dell’indagine sottolineano invece come un giusto approccio dal punto di vista comunicativo debba tenere presente la fluidità e rapidità con cui un dato contenuto può essere assimilato dall'utente e come questo fattore abbia un significativo influsso sulla percezione della trasparenza complessiva associata alla casa di gestione. In particolare, viene sottolineata l’importanza della cultura nella creazione dei contenuti, intesa, all’atto pratico, con l’utilizzo delle competenze di chi scrive per professione a fianco dell’esperto in materia finanziaria.

Asset Management Website Clarity Index, i migliori

Tra gli asset manager rientranti nell’indagine il primo posizionato è Federated Investors, seguito da Vanguard e Putnam Investments. Tra gli operanti in Italia, in aggiunta a Vanguard, che oltre a posizionarsi seconda realtà in assoluto si trova al primo posto nella classifica di leggibilità, troviamo T.Rowe Price al decimo posto, MFS Investment Management all’undicesimo e Franklin Templeton Investments al diciottesimo.

Asset Management Website Clarity Index

“Semplici cambiamenti possono migliorare sensibilmente il ranking complessivo”, sottolineano gli autori dello studio. Quattro sono i fondamentali consigli riportati in conclusione in ordine di priorità e facilità di implementazione. Il primo è la riduzione della lunghezza delle frasi, seguito dalla preferenza di uso della forma attiva al posto della passiva. Utilizzo di una terminologia meno complessa e adozione della tecnologia per migliorare l’esperienza complessiva dell’utente completano il quadro. Buon lavoro!

Società

Notizie correlate