Arriva il nuovo ETF Invesco sulle azioni privilegiate


Invesco ha quotato su Borsa Italiana l'Invesco Variable Rate Preferred Shares UCITS ETF, l’unico ETF in Europa che mira ad offrire un’esposizione al mercato delle azioni privilegiate, il cui valore si attesta sui 250 miliardi di dollari.

Le azioni privilegiate sono titoli ibridi, emessi principalmente da banche e altre società finanziarie che desiderano aumentare il capitale Tier1 senza diluire il valore degli azionisti comuni. Tecnicamente, sono titoli azionari che si comportano come obbligazioni in virtù di precise caratteristiche, quali la ridistribuzione di dividendi e la lunga scadenza. Invesco Variable Rate Preferred Shares UCITS ETF si pone come obiettivo quello di replicare l’indice di riferimento offrendo un potenziale rendimento interessante rispetto alle obbligazioni high yield e investment grade statunitensi. Il rendimento di questo strumento si muove in linea con le variazioni dei tassi di interesse ed è comparabile alle obbligazioni high yield, ma con una volatilità storicamente più bassa.

Chris Mellor, responsabile di EMEA ETF equity product management di Invesco, ha dichiarato: "In un contesto in cui i tassi di interesse restano bassi, la ricerca di rendimenti può risultare difficile, specialmente in Europa. Gli investitori che desiderano ottentere un rendimento più elevato sono spesso costretti ad assumersi rischi maggiori rispetto a quelli che sarebbero normalmente disposti a correre. Le azioni privilegiate a tasso variabile hanno attualmente un rendimento vicino al 5%, non molto inferiore a quello che si ottiene con le obbligazioni high yield, ma allo stesso tempo hanno generalmente un rating creditizio investment grade. Hanno anche una duration più breve, il che significa potenzialmente meno rischi sul tasso di interesse".

Professionisti
Società

Notizie correlate

Invesco, Sergio Trezzi sale di ruolo

Il country head per l'Italia di Invesco assume la carica di managing director, head of retail distribution – EMEA and Latam. Con la nuova carica, Trezzi estenderà la propria responsabilità in EMEA, aggiungendo all’Europa anche l’Inghilterra.

Anterior 1 2 3 Siguiente