Anche la BCE non tocca la politica monetaria


Così come la Federal Reserve, anche la Banca centrale europea ha chiuso l'anno senza cambiamenti nella politica monetaria. La prima riunione di Christine Lagarde a capo dell'istituto è stata transitoria e ha portato alla decisione di mantenere il tasso di deposito al -0,5% e l'acquisto di obbligazioni a 20.000 milioni di euro al mese, in linea con quanto annunciato a settembre. Lagarde ha lanciato un messaggio ottimista. Si è infatti dichiarata convinta che esistano segnali che indicano una possibile fine del rallentamento dell’economia europea. Si allontana perciò la prospettiva di un taglio dei tassi nel prossimo futuro.

È, secondo quanto dichiarato da AXA IM, lo scenario migliore possibile per la prima conferenza stampa di Lagarde. "I dati sono sufficientemente mediocri per giustificare l'ultimo pacchetto di misure e respingere qualsiasi domanda sul fatto che la Banca centrale abbia reagito in modo eccessivo a settembre. Allo stesso tempo, non sono abbastanza catastrofici da innescare domande scomode su come la BCE potrebbe fornire ulteriori stimoli se necessario", spiegano.

Gli asset manager internazionali concordano nella previsione di una BCE attendista nei prossimi 12 mesi, "a meno che non ci sia qualche evento apocalittico o un miracolo per quanto riguarda l’inflazione", afferma Konstantin Veit, portfolio manager di PIMCO. Quantomeno non si attendono grandi operazioni come quelle messe in atto nel 2019. Mark Holman, CEO di TwentyFour AM (Vontobel AM), prevede una riduzione dei tassi di deposito di altri 10 punti base nel 2020 al -0,60% e una duplicazione dell’ultimo round di acqusiti fino a 40.000 milioni di euro al mese.

Non ci sono però molti dubbi sui mercati circa l'ormai relativo spazio di manovra della BCE. "Il testimone è ora nelle mani dei governi della zona euro, che hanno cominciato a valutare la necessità di un sostegno alla politica fiscale", fa notare Andrea Iannelli, investment director per l'obbligazionario di Fidelity International. "Lagarde ha rafforzato ancora una volta questo messaggio ormai consolidato, invitando i governi che ne hanno la possibilità ad agire. Tuttavia, è improbabile che un pacchetto fiscale di ampio respiro si concretizzi nel breve termine. Ci aspettiamo piuttosto piani di spesa più mirati", completa Iannelli.

La nota più significativa dell’incontro di Francoforte è stata, però, la revisione delle previsioni macroeconomiche: un aggiornamento al ribasso del PIL, ma una tendenza al rialzo dell'inflazione. Paul Diggle, senior economist di Aberdeen Standard Investments, sottolinea come tali previsioni siano state rese note per la prima volta e prevedano un'inflazione all'1,6% nel 2022. "Secondo alcuni membri del Consiglio, direttivo l'obiettivo di inflazione sarà raggiunto senza bisogno di interventi, ma Lagarde ha affermato che pur trovandoci sulla strada giusta la proiezione non è coerente con l'obiettivo. Per noi questo significa che nel 2020 sarà necessaria una maggiore flessibilità ”, analizza l'esperto.

Il 2021 sarà un anno di transizione per quanto riguarda i mercati. Come annunciato a margine della riunione, la BCE inizierà a gennaio una revisione strategica che si concluderà alla fine del prossimo anno. Ciò potrebbe significare, secondo Veit, la ridefinizione del calcolo dell’inflazione per riflettere meglio la situazione nell’economia reale, poiché il metodo attuale non la cattura correttamente. Una nuova definizione di inflazione potrebbe avvicinare l'indice dei prezzi al target, riducendo la necessità di una politica monetaria più accomodante.

Ma Martin Moryson, capo economista europeo di DWS, non è così ottimista riguardo alla possibile revisione. "Il mandato di una banca centrale, in particolare della Banca centrale europea, è definito con precisione, e i trattati europei non consentono esperimenti importanti", ricorda. Né un cambiamento sostanziale nell'obiettivo di inflazione né una politica monetaria fortemente orientata agli obiettivi climatici sono consentiti dai trattati esistenti. “La BCE ha già notevolmente ampliato la propria gamma di strumenti negli ultimi anni. Non avrà altra scelta che concentrarsi maggiormente su questi e attendere pazientemente che le sue azioni abbiano effetto ”, conclude.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 Siguiente