Update sul FvS Multiple Opportunities II: posizionamento e view di mercato per Bert Flossbach


Il Multiple Opportunities II fa notizia. Questo fondo misto di Flossbach von Storch, che quest'anno ha ottenuto il rating di FundsPeople AC, preferito dagli Analisti e Consistente, sta registrando nel 2020 entrate nette che hanno catapultato la boutique tedesca in cima alla classifica di flussi nella categoria multi-asset nel 2020, secondo i dati di Refinitiv.

Questo fondo è il fiore all'occhiello di Flossbach von Storch. Fin dalla sua creazione è stato gestito da Bert Flossbach, co-fondatore della casa di gestione. Si tratta di una strategia flessibile, che potrebbe avere fino al 100 per cento di capitale proprio. È il fondo che meglio dimostra come i fondatori gestiscono il loro capitale. Infatti, è stato creato con l'obiettivo di gestire il loro patrimonio. Per quanto riguarda il loro attuale posizionamento, sono focalizzati sulla qualità.

"Recentemente abbiamo ridotto le posizioni di copertura e aumentato l'esposizione azionaria lorda. Si tratta in larga misura di aziende del settore dei beni di consumo di base, seguite dai valori della tecnologia. Un attento esame del portafoglio mostra che la qualità delle aziende in esso contenute è molto elevata. Definiamo la qualità come una miscela del potenziale di crescita di un'azienda e del suo sistema immunitario. Quest'ultimo comprende essenzialmente due componenti: la resistenza dei profitti a situazioni di mercato avverse e la qualità del bilancio", spiega.

Circa un terzo delle società in portafoglio ha una posizione di liquidità netta. A titolo di confronto, solo due dei 30 titoli che compongono attualmente il DAX hanno una posizione di cassa netta. "La maggior parte delle aziende in cui investiamo ha un debito molto basso, anche se questo parametro da solo non è sufficiente. Se i profitti non sono resistenti, anche un basso livello di indebitamento può essere troppo elevato per l'azienda. Tralasciando le coperture, il rendimento dell'esposizione azionaria dall'inizio dell'anno è positivo, riflettendo in ultima analisi l'alta qualità dei titoli selezionati”, afferma.

Prospettive e view di mercato

Anche se si dovesse verificare una seconda ondata, Bert Flossbach ritiene improbabile, dal punto di vista odierno, che vengano adottate misure di portata simile a quelle recentemente attuate. "A nostro avviso, non dovrebbero più esserci restrizioni massicce come il confinamento diffuso, anche in Cina. Le conoscenze acquisite sul virus, sulle vie d'infezione e sul tasso di mortalità dovrebbero consentire di adottare in futuro misure più mirate, anche se non è ancora stato trovato un vaccino”, illustra.

Senza entrare nella previsione dell'evoluzione del virus, il gestore si concentra sugli effetti a lungo termine della pandemia come base della sua strategia d'investimento: l'effetto accelerato della digitalizzazione, il crescente onere del debito pubblico e il consolidamento dei tassi d'interesse zero. "Grazie agli enormi pacchetti di salvataggio di molti stati, soprattutto degli Stati Uniti, e alla disponibilità quasi illimitata delle banche centrali a finanziarli, il pericolo di una caduta dei mercati azionari ai minimi di marzo sembra improbabile”, sostiene.

Tuttavia, il recente rimbalzo dei mercati azionari ha già scontato un rapido ritorno alla normalità. "Questo ottimismo sembra esagerato date le grandi incertezze sugli effetti a medio termine della pandemia e le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina. Inoltre, a causa del livello storicamente basso dei tassi di interesse negli Stati Uniti, si registra attualmente una carenza di investimenti redditizi, che ha aumentato l'attrattiva delle azioni e contribuito in modo significativo all'aumento sproporzionato dei prezzi sui mercati azionari statunitensi. Il fatto che i rendimenti dei titoli di Stato USA a 10 anni siano scesi per la prima volta al di sotto del livello dell'1% dovrebbe rafforzare l'argomentazione che le azioni sono l'unica alternativa d'investimento per molti investitori statunitensi”, aggiunge.

A suo avviso, l'aumento dei prezzi combinato con il calo dei profitti aziendali ha portato le valutazioni a livelli senza precedenti, che sarebbero giustificate se i profitti si riprendessero rapidamente e i tassi d'interesse fossero mantenuti permanentemente bassi. "Ciò significa che il benessere dei mercati finanziari dipenderà ancora di più in futuro da una politica monetaria espansiva. Gli aiuti massicci per alleviare gli effetti della crisi rappresentano una forma precoce di denaro per elicotteri, distribuito dagli Stati e finanziato indirettamente dalle banche centrali", argomenta.

Con questa valutazione, Flossbach continua a concentrarsi sugli asset tangibili come le azioni e l'oro. "Poiché è improbabile che la ripresa dello status quo nell'economia reale avvenga così rapidamente come attualmente previsto, continuiamo a coprire parte della nostra esposizione azionaria. Ci focalizziamo su aziende con utili altamente sicuri, bilanci solidi e potenziale di crescita a lungo termine. Concentrandoci su titoli aziendali di qualità, i nostri portafogli sono a prova di crisi, indipendentemente dall'esposizione azionaria", conclude.

Professionisti
Società

Notizie correlate

Anterior 1 2 3 Siguiente