Vontobel Euro Mid Yield Bond, ecco perché investire in corporate bonds


Per il secondo anno consecutivo, ad aggiudicarsi il premio Morningstar come miglior fondo obbligazionario è stato il Vontobel Euro Mid Yield Bond. Specializzato sulle emissioni corporate, è gestito da Mondher Bettaieb, ha quattro stelle Morningstar e vanta il rating di fondo Consistente Funds People.

“Il fondo ha un approccio di investimento attivo”, spiega il gestore. Le decisioni di investimento si basano su un’analisi di valore fondamentale e relativa, che combina un rigoroso approccio top-down e bottom-up, con speciale attenzione sul relative value, sui fondamentali dell'emittente e sulla liquidità del mercato. La performance del fondo è ottimizzata attraverso la selezione dei settori, delle strutture e degli emittenti più attraenti. “Prima di ogni cosa, il nostro scopo è individuare gli emittenti solidi in cui il premio di spread creditizio compensa ampiamente il rischio di credito assunto”. Tre sono gli elementi fondamentali per generare e preservare valore per gli investitori nel corso del tempo: “oltre alla convinzione e alla flessibilità, la nostra esperienza e il nostro background in qualità di ex analisti del credito aggiunge competenza di selezione del credito per la gestione del fondo", aggiunge Bettaieb. 

Il processo di investimento segue quattro step. “Innanzitutto, conduciamo una ricerca fondamentale e tecnica per definire lo scenario economico e fornire il tasso di interesse, oltre che le previsioni di spread creditizio per un certo numero di mercati obbligazionari. Il team procede a un’analisi top-down dei fondi, rivedendo gli indicatori chiave che segnalano se uno è rialzista o ribassista sul credito. Il passo successivo è sviluppare le preferenze del settore a seconda della nostra strategia di credito top-down. L'obiettivo dell’analisi del settore è determinare l'attrattività dei comparti. Nella terza fase, identifichiamo i potenziali investimenti e/o le idee di trading. Filtriamo l’universo corporate mid-yield europeo sulla base di criteri rigorosi, tra cui il cash flow e misure di capitalizzazione, nonché le valutazioni relative di spread o i livelli che ci aiutano a restringere l’universo delle società che hanno una capacità di generazione di cash flow adeguata, buon margine di capitalizzazione (per le banche) e differenziali attrattivi. Dopo aver determinato le potenziali idee di investimento in obbligazioni societarie, conduciamo  una tradizionale e meticolosa analisi bottom-up per ogni compagnia. Combiniamo fattori qualitativi e quantitativi, compresa la valutazione della strategia di gestione di una società, il modello di business, la posizione di mercato, la politica finanziaria, i risultati operativi, l'adeguatezza dei flussi di cassa e la flessibilità finanziaria. Ulteriori analisi a livello societario includono l’event risk, la performance azionaria e le passività potenziali. Includiamo obbligazioni societarie nel fondo solo se siamo fortemente convinti di entrambi i fondamentali del credito e delle valutazioni esistenti. Infine, la gestione del rischio è di fondamentale importanza per la gestione degli investimenti attivi ed è condotta a più livelli".

Fattori per investire in corporates bonds 

L’anno scorso è stato ricco di sfide per gli investitori sul mercato del credito, ma le politiche monetarie espansive della Banca centrale europea, che ha deciso di allargare ai corporate il piano di acquisto di titoli, sostengono la domanda. Il portafoglio è investito prevalentemente in emissioni con un merito creditizio medio (compreso tra A e BBB) e diversifica il rischio su diversi segmenti del mercato (emissioni ibride, subordinate, convertibili, ecc.). "Credo siano molteplici i fattori per investire in corporates bonds e nel nostro fondo", dice orgoglioso Bettaieb. "Cominciamo esponendo le ragioni per investire in asset class:
- Credo fermamente che il credito sia un’asset class stabile a lungo termine. Le obbligazioni societarie rappresentano un'alternativa interessante alle obbligazioni sovrane. In particolar modo, forniscono una migliore visibilità del rendimento rispetto ai bond sovrani - in altre parole, è più facile determinare se lo spread offerto compensa il rischio che comportano. Con i titoli di Stato bisogna valutare dinamiche politiche difficili come la riforma delle pensioni e le azioni del governo locale. Le dinamiche aziendali sono generalmente più facili da capire.
- Il debito societario fornisce anche alcuni importanti vantaggi rispetto ai titoli growth-dependent. Le obbligazioni non garantite e subordinate rivestono maggiore importanza rispetto alle azioni nella struttura del capitale. Intanto, la cedola di un'obbligazione è fissa, mentre i dividendi azionari possono sempre essere tagliati. L'analisi fondamentale impiegata nella gestione delle due asset class può essere la stessa, ma i rendimenti azionari e il pagamento dei dividendi sono meno prevedibili.

- Il credito è stata un’asset class stabile nel lungo periodo. La storia ci dimostra che ha sempre avuto una buona performance, anche nei periodi in cui le economie erano più deboli. Abbiamo una lunga serie di dati provenienti dagli Stati Uniti dove, dal 1948, il credito investment grade ha avuto un rendimento medio annuo di un punto percentuale in eccesso, anche se la crescita del PIL è stata piatta o è diminuita fino al 3% all'anno.

- Le obbligazioni societarie sono una delle principali asset class in Europa, e il segmento mid-yield investment-grade in cui il fondo investe è in forte crescita. Secondo i dati dell'agenzia di rating Moody, la quota di emittenti con ratingA-BBB in Europa è raddoppiato nel corso degli ultimi trent'anni.

- Infine, ma non per questo meno importante, il nostro fondo rappresenta un'ottima occasione per investire in un portafoglio di forte convinzione corporate bond in un ambiente di tassi zero e rendimenti liberi a basso rischio di lunga durata".

E conclude: "La nostra convinzione è che le banche centrali sono nella posizione di prolungare il ciclo, con un credito che offre ancora un buon rialzo relativo per i tassi negativi. Dal momento che circa 7 trilioni di dollari di titoli di stato globali statunitensi sono influenzati dai rendimenti negativi, non ci vorrà molto prima che gli investitori riprendano la caccia ai titoli corporate ad alto rendimento. In quanto alle aree geografiche, ci interessano in particolare i mercati delle obbligazioni societarie periferici di Italia e Spagna, in quanto riceveranno un ulteriore impulso dal programma di acquisto delle obbligazioni societarie della BCE e riteniamo che la quantità di acquisto della BCE sarà proporzionalmente più grande in questi mercati che, ad esempio, in Francia e Germania".

 

Società

Altre notizie correlate


Prossimi eventi