Tags: Business |

Unicredit: firmato accordo per la gestione di 1,3 miliardi di crediti real estate


La partnership annunciata nel 2015 tra UniCredit, Pimco, GWM (specialista real estate) e Finance Roma (specialista nella gestione di crediti immobiliari) per gestire un portafoglio di crediti immobiliari è entrata ufficialmente nella fase operativa. Lo scorso 9 dicembre, infatti, è stato firmato l’accordo finale che definisce il funzionamento della nuova piattaforma. L’intesa prevede che gli investitori rilevino la gestione del portafoglio attraverso la loro controllata Aurora Recovery Capital (AREC), allo scopo di aumentare l’efficienza nella gestione di crediti immobiliari a medio e lungo termine, parte di un selezionato portafoglio della dimensione complessiva di 1,3 miliardi di euro.

La piattaforma, come si legge nel comunicato stampa, “consentirà di incrementare il futuro valore del portafoglio attraverso una gestione proattiva degli asset, soluzioni innovative e nuove risorse finanziarie ove necessario”. Il portafoglio è composto da asset - posseduti da più di 40 clienti - che si trovano in diverse fasi di sviluppo, dal green field fino a immobili già terminati. Al momento, la transazione tra UniCredit, Pimco, GWM e Finance Roma non comporta il deconsolidamento dei crediti per UniCredit ma non si esclude tale possibilità in futuro.

L’accordo consiste nella creazione di un veicolo per la cartolarizzazione (SPV) e di una società di gestione, che avrà l’obiettivo di estrarre maggiore valore dagli asset inclusi nel portafoglio. Il trasferimento dei crediti al veicolo è previsto in due tranche in tempi brevi: la prima, per un totale di oltre 864 milioni di euro, è in programma entro il 12 dicembre. UniCredit sta implementando una gestione proattiva degli asset non-core finalizzata al rafforzamento del proprio profilo di credito. L’accordo è finalizzato a sterilizzare i rischi connessi ai crediti selezionati e a generare un potenziale beneficio economico grazie allo sviluppo degli asset immobiliari che fanno parte del portafoglio.

Società

Altre notizie correlate


Unicredit, cosa succederà in Fineco

Lo scenario più probabile è un aumento da 5,4 miliardi e insieme la vendita del 15% della banca online. Ma la partita è delicata dato che la banca on line porta molti margini e rinunciare a un pezzo implicherebbe una diluzione dell’utile per azione. Intanto gli occhi sono puntati sul dopo Ghizzoni.

Prossimi eventi